Il “protettore” delle prostitute rapinava anche i clienti

L'uomo arrestato per induzione alla prostituzione è accusato anche di aver assalito alcuni clienti delle ragazze. È stato arrestato alle ex Officine FS

via pacinotti gallarate 2011
via pacinotti gallarate 2011

Costringeva giovanissime ragazze a prostituirsi e rapinava anche i clienti, sulle strade tra Gallarate e l’Alto Milanese. Gli agenti della Polizia del Commissariato di Rho, insieme alla Procura di Milano, l’hanno seguito “a distanza” per mezza Europa, localizzandolo di volta in volta in Spagna e in Francia. E alla fine gli è stato fatale un appuntamento preso sul territorio su cui “lavorava”, a Gallarate.

Robert Florin Ciurar, accusato di induzione e sfruttamento della prostituzione e di rapina, è stato alla fine individuato nei dintorni delle dismesse Officine FS di via Pacinotti. Nella serata del 1° maggio gli investigatori hanno appreso che era rientrato in Italia e si era messo in contatto con la fidanzata (29enne, anche lei indagata per induzione alla prostituzione). Gli agenti di Rho l’hanno appunto localizzato – e arrestato in ottemperanza di custodia cautelare –  in via Generale Galvaligi, la strada che conduce ad uno degli accessi (abusivi) delle ex Officine FS, dove Ciurar si era dato appuntamento con la donna.

Entrambi sono appunto accusati di aver reclutato giovani rumene, promettendo un lavoro vero in Italia: una volta arrivate nella zona di Milano, le costringeva qui a prostituirsi, accaparrandosi poi i guadagni. Una delle due donne che hanno denunciato, ha anche ammesso con gli agenti di aver contribuito nei fatti ad alcune rapine ai danni dei clienti: una volta che questi si erano appartati in auto, sarebbero stati aggrediti e derubati da Ciurar.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.