Interrogazione del consiglio comunale per i problemi dei dializzati

Dopo una lettera di denuncia dell'Associazione nazionale, il consigliere La Forgia ha chiesto l'intervento del sindaco Galimberti

VARESE ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE

Personale sotto organico, ambienti promiscui, scarsa comunicazione interna. Già nel marzo scorso, l’associazione emodializzati, dialisi e trapianti onlus aveva scritto ai vertici dell’ASST Sette Laghi e per conoscenza al Sindaco e alla commissione medica del Comune di Varese per evidenziare una situazione molto critica, non solo al Circolo ma anche a Cittiglio, Luino e Tradate.«Per quanto riguarda Cittiglio – si legge nella lettera – ci viene segnalato lo stato critico della sala dell’impianto di osmosi che presenta importanti infiltrazioni di umidità risalente, che causa gravi problemi di funzionamento e di condizioni igienico-sanitarie.


A Varese il problema più sentito è quello relativo al rapporto medico-paziente. Probabilmente a causa dell’organico ridotto, c’è difficoltà nell’ottenere incontri con il proprio nefrologo di riferimento in modo riservato e confortevole. Al CAL Varese, inoltre, sarebbe prevista una visita settimanale del medico, che non ha quasi mai luogo per cronica carenza di personale medico. Parlando di organici, dai pazienti CAL di Varese ci giungono segnali di insofferenza per le continue assenze del personale ausiliario. Anche in caso di presenza il loro contributo si limita ad un’attesa passiva, alla distribuzione della colazione e al rifornimento sommario dei cassetti dei consumabili e poco altro.
Comportamenti che vanno ad appesantire il carico di lavoro delle infermiere, già gravato dal loro essere sotto organico e ricadono inevitabilmente sulla qualità della seduta dialitica percepita dal paziente».

Della questione si è interessato il consigliere Enzo La Forgia che ha sollevato il caso con un’interrogazione a Davide Galimberti per fare luce su alcune criticità del Circolo:

« In tale lettera – scrive La Forgia – per quanto riguarda i pazienti in cura presso l’Ospedale di Circolo di Varese, si denuncia quanto segue:
▪ un difficile rapporto medico-paziente;
▪ una difficoltà nell’ottenere incontri con il proprio nefrologo di riferimento in modo riservato e confortevole;
▪ la mancanza di ogni forma di riservatezza nella comunicazione, comunque frettolosa, tra medici e pazienti;
▪ la impossibilità di garantire, presso il Centro Dialisi Cal, la pur prevista visita settimanale di un medico;
▪ la cronica carenza di organico, che comporta disagi a pazienti e al personale medico-sanitario in servizio;
▪ un lacunoso sistema di comunicazione tra il reparto di emodialisi ospedaliera e quello di chirurgia vascolare;
▪ la promiscuità delle sale d’attesa degli ambulatori di follow-up dei trapianti;
▪ le precarie condizioni degli arredi e di tutti quei servizi, che potrebbero (dovrebbero) rendere più confortevole la permanenza dei degenti.

Alla luce di quanto sopra sommariamente riportato e ai sensi degli artt. 27, 28, 29 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale di Varese, il sottoscritto ENZO R. LAFORGIA, Capogruppo della Lista Progetto Concittadino presso il Consiglio comunale di Varese,

INTERROGA

il Sindaco, dandone informazione ai Componenti della Consulta dell’Ospedale del Consiglio comunale di Varese, in merito alle seguenti questioni:

È il Sindaco a conoscenza delle situazioni di disagio esposte nel documento che riguardano Cittadine e Cittadini del nostro territorio?

Quali iniziative il Sindaco intende promuovere per tutelare la dignità e la salute dei pazienti emodializzati, costretti a vivere quotidianamente le sopra riportate condizioni di disagio?

Non ritiene il Sindaco di suggerire alla Consulta dell’Ospedale un incontro con la Direzione Amministrativa e Sanitaria dell’Ospedale di Circolo di Varese al fine di
sollecitare interventi per il rispetto della dignità e della salute dei pazienti emodializzati e trasmettere poi una nota informativa dell’eventuale, auspicabile incontro al Consiglio comunale?»

Il Sindaco ha risposto di aver già preso contatti con la direzione dell’ASST per capire le criticità e le eventuali possibilità di soluzione

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.