“Levi”, stipulata la concessione

L'accordo è stato siglato tra il Comune e l’associazione che gestisce il campo da rugby di Giubiano. Tra gli impegni anche una maggiore apertura libera degli spazi per i cittadini

progetto ampliamento campo rugby varese aldo levi giubiano

Nei giorni scorsi è stata stipulata la concessione per l’utilizzo dell’impianto sportivo comunale di via Salvore, la struttura sportiva che ospita le attività del Rugby Varese.

Oltre a rinnovare i termini del rapporto tra il Comune e l’associazione che gestisce lo stadio di Giubiano, nella convenzione si stipula un vero e proprio accordo di collaborazione e sinergia non solo per gli aspetti di promozione sportiva, ma anche per l’impegno reciproco di sviluppare iniziative, attività e progetti in favore della città e del quartiere.

In un punto infatti si precisa che l’Associazione si impegna a svolgere l’attività di pubblico interesse alla quale è subordinato l’affidamento in concessione dell’impianto sia per quanto attiene l’attività agonistica sia per quanto riguarda l’attività di promozione dello sport a favore delle fasce giovanili della popolazione.

Inoltre, nella nuova convenzione si predispone anche che l’impianto sportivo, il campetto da basket e il verde esterno al perimetro di gioco potranno essere utilizzati gratuitamente dagli abitanti del quartiere negli orari di normale apertura dell’impianto.

Il Comune inoltre potrà avere accesso all’impianto per proprie attività e progetti per almeno otto giornate all’anno.  La nuova concessione avrà una durata di 20 anni e il canone annuale è fissato per 6 mila euro all’anno.

La durata temporale è stata stabilita anche in relazione all’importante progetto di riqualificazione che presto prenderà il via e per il quale sono stati ottenuti 515 mila euro di finanziamento grazie ad un bando del CONI, promosso dal Governo, vinto dall’associazione del Rugby l’anno scorso. Il progetto di riqualificazione del campo prevede tra le altre cose anche l’allargamento del campo di gioco, la sistemazione del campo da basket, la copertura della tribuna esistente, la creazione di una club house, con sistemazione spazi esterni per favorire la socializzazione tra i cittadini e il quartiere.

Tra gli obblighi gestionali per l’associazione ci sono la  custodia, la manutenzione ordinaria e straordinaria, la cura dell’area verde, e gli oneri per la gestione.

«Abbiamo stretto un accordo che va nella direzione di far crescere lo sport a Varese – dichiara Dino De Simone, assessore allo sport del Comune di Varese – Inoltre, siamo molto felici del riconoscimento attribuito alla nostra città da parte del Coni attraverso il bando promosso dal Governo, ulteriore segno di una Varese che sta cambiando e che riesce ad essere protagonista. Grazie agli accordi presi inoltre il campo da rugby diventerà un punto di riferimento per il quartiere e i cittadini, sviluppando progetti sportivi ma anche di socialità e coesione sociale. Quando parliamo di sport infatti noi intendiamo attività per tutti, dai bambini agli adulti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.