Novità in condominio, arriva il medico a domicilio

Confabitare Varese compie un anno, si regala una sede nuova e ha in serbo tante interessanti novità

vario
.

Confabitare Varese compie un anno e ha in serbo tante grandi novità, la prima di tutte una nuova sede sociale a Carnago, in via Castiglioni 2, per essere più vicina e centrale rispetto al territorio della provincia, accompagnata da una convenzione con il Centro Diagnostico San Carlo, per dare vita al progetto del medico di condominio.

Lo staff dei collaboratori di Confabitare si è arricchito con l’arrivo della dottoressa Simona Macchi, esperta in comunicazione sociale e abilissima P.R., che si prenderà cura dell’immagine e delle comunicazione dell’associazione, ed in particolare dei rapporti con la stampa e le istituzioni.

Il cambio di sede non significa abbandono del territorio cittadino, dove rimarrà operativa una sede presso il Centro Diagnostico San Carlo, che ha dimostrato la propria disponibilità a collaborare garantendo il servizio di assistenza domiciliare e mettendo a disposizione una sede ove i cittadini di Varese potranno recarsi previo appuntamento per incontrare lo staff di Confabitare nei giorni stabiliti e analoghe agevolazioni verranno rese operative a Gallarate, Busto, Tradate e speriamo Luino.

Confabitare Varese, a distanza di un anno dalla fondazione, ha già fornito assistenza ai propri iscritti, agevolandoli nella stipula di contratti, nella gestione di controversie condominiali e nei rapporti con gli inquilini, ma soprattutto ha sviluppato una serie di rapporti e contatti, quali convenzioni con fornitori, professionisti, imprese edili ed artigiane (come l’impresa edile F.D. Costruzioni di Gallarate) dei quali gli iscritti potranno fruire, così da integrare il servizio, non meramente di consulenza, offerto dai membri dello staff.Come sempre, l’attenzione di Confabitare è rivolta alla tutela della casa, dell’abitazione, ancora bene primario più importante per i cittadini, ma avendo attenzione anche ai servizi aggiuntivi, utili non solo al singolo proprietario, ma anche alla comunità in cui vive.

Grazie alla collaborazione con il Centro Diagnostico San Carlo, è stato dato ufficialmente il via all’iniziativa del medico di condominio, ovvero la possibilità, per realtà condominiali e/o singole famiglie, di ottimizzare le esigenze dei condomini e dei proprietari immobiliari garantendo la presenza, in un giorno prestabilito, di un medico o di un infermiere che effettui le visite e i prelievi o altre attività diagnostiche.
Pensiamo ad un condominio che sia abitato da più famiglie con anziani o bambini, alle energie che si disperdono per organizzare trasferte autonome per effettuare esami e visite di routine, al disagio delle persone anziane che devono essere accompagnate e così via… orbene con il patrocinio e l’organizzazione di Confabìtare, e la rete di professionisti del Centro Diagnostico San Carlo, sarà sufficiente richiedere e concordare una visita ad una data prefissata, ed un medico si recherà al condominio, effettuando ad esempio tutti i prelievi del sangue, gli esami della pressione, le visite al cuore e quant’altro.

Le novità però non finiscono qui perché lo staff di Confabitare ha già in cantiere una serie di iniziative come il progetto della badante di condominio, sempre molto apprezzato in altre realtà italiane e un convegno sullo scottante tema della successione ereditaria e sul trasferimento della proprietà immobiliare generazionale.

Confabitare e i propri volontari sono a disposizione del cittadino dal martedì al venerdì dalle ore 9 alle 12 al numero 0331 158 7451. Si potranno fissare appuntamenti in qualunque giorno per la sede di Carnago, mentre a Varese gli appuntamenti verranno presi solo per il giovedì.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.