“Piazza Mazzini e nuovo capannone Frera nel futuro della città”

La coalizione che sostiene il sindaco uscente Laura Cavalotti illustra le opere principali su cui punta i prossimi anni di governo

albero piazza mazzini municipio tradate
albero piazza mazzini municipio tradate

«Per il futuro della città puntiamo su Piazza Mazzini e il nuovo capannone della Frera». Parole della coalizione che sostiene Laura Cavalotti, sindaco uscente, che si ripresenta alle elezioni dell’11 giugno sostenuta da Partecipare Insieme Tradate 2.0, Partito Democratico e Sinistra X Tradate.

«L’amministrazione Cavalotti dopo il risanamento finanziario progetta il futuro della città – proseguono dal gruppo -. Non è semplice ripensare l’immagine della città se negli anni che hanno preceduto questa amministrazione si è pensato più a cementificare in modo selvaggio il terreno urbano e non a rivalutare i beni già esistenti. L’amministrazione CAVALOTTI, dopo aver salvato con tenacia e impegno i due immobili Frera e Truffini, prevede il rifacimento di piazza Mazzini antistante il Comune e la riqualificazione del capannone Frera adiacente la biblioteca per rimettere come PRIORITA’ la socializzazione tra le diverse generazioni, la cultura e per favorire il centro e lo sviluppo economico della città».

«I render visionati sui cartelloni in città, in quanto tali, non vanno intesi come progetti chiusi ma testimoniano la volontà di proseguire nella riqualificazione del nostro territorio – spiegano dalla coalizione -. È un progetto di fattibilità ed è suscettibile di cambiamenti provenienti dalle proposte dei cittadini tradatesi, perché abbiamo a cuore la partecipazione al fine di condividere con le loro considerazioni e i suggerimenti un progetto di tale importanza. È intenzione migliorare le aree verdi e gli alberi già esistenti dando uno spazio a giardino e rinnovando l’arredo urbano ormai obsoleto. Il futuro è solo di chi sa osare con coraggio e cognizione di causa non di chi sa solo screditare senza proporre alternative valide e ponderate dimostrando di non avere a cuore il bene della propria gente».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 18 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.