Regalia indica gli obiettivi di programma e anticipa la giunta

Il candidato sindaco di Cambiare Ferno punta sulla chiarezza prima delle urne e anticipa anche i quattro nomi di chi nominerebbe assessori

Massimo Regalia Ferno
Massimo Regalia Ferno

La lista si chiama “Cambiare Ferno”: il centrosinistra vuole cambiare strada, dopo vent’anni di amministrazioni di centrodestra, dopo i due mandati di Claudia Colombo e i due di Cerutti. Lo fa con Massimo Regalia, militante storico locale, già candidato nel 2012, che si presenta candidato sindaco sostenuto appunto dalla lista Cambiare Ferno.

«Una lista civica al 100% anche se guarda a sinistra» spiega Regalia. «I tesserati del Pd sono solo due, le altre persone si sono avvicinate grazie al lavoro fatto sul programma. Abbiamo un mix importante tra gente giovane e persone con esperienza, andiamo da ragazzi nati nel ’95 a persone nate nel ’42». Persone hanno estrazione scolastica e lavoro specifico per ogni assessorato

Regalia confida nella chiarezza del programma: «Per ogni capitolo abbiamo dichiarato gli obbiettivi specifici per ogni capitolo che vogliamo raggiungere. Chiari, misurabili, dichiarati». «Dalla piazza alla viabilità, alla possibile acquisizione della Manifattura (per realizzare servizi come un centro anziani o centro disabili),alla modifica della tensostruttura da chiudere trasformandola in ambiente utilizzabile in ogni stagione per esigenze diverse».

Regalia ha scelto anche la trasparenza sulla futura giunta, seguendo una tendenza (quella di dichiarare prima la squadra di governo) che è sempre più diffusa in anni recenti e che rompe gli indugi rispetto agli equilibri interni alle liste. Se eletto sindaco, Regalia (53 anni, di formazione Perito elettronico, oggi lavora come Business manager Lombardia per Società Cattolica Assicurazioni) terrà per sé anche la delega alla Cultura.
Vicesindaco e assessore ai servizi sociali sarà Adriana Reghenaz Soldavini, che ha una esperienza professionale specifica, essendo stata assistente sociale e coordinatrice dei servizi nel Comune Samarate, consulente di vari Comuni, volontaria al Perograno di Lonate.
L’importante ruolo di assessore al bilancio andrebbe ad Andrea Perciante, diplomato magistrale, oggi pensionato dopo una vita da Capogestione Sovraintendente (un ruolo amministrativo e di coordinamento) nelle Ferrovie dello Stato.
Se vincesse il centrosinistra, assessore ai lavori pubblici ed edilizia sarà Barbara Ferrario, di professione geometra, libero professionista, ma in passato anche nell’ufficio tecnico del Comune di Lonate.
Allo sport andrebbe infine Davide Testa, laureato educatore professionale, oggi Educatore scolastico e allenatore della squadra di Basket di Lonate Pozzolo.

Completano invece la lista di consiglieri Giorgia Pernozzoli, Marco Sartirani, Andrea Rizzotto, Mattia Regalia, Bernardino Pernozzoli, Elisabetta Bellissimo, Enzo Degano.

«Spero che la gente confidi in un modo diverso di fare politica, perché al contrario dei nostri concorrenti nella nostra lista non ci sono dinosauri della politica. Abbiamo obbiettivi misurabili e dichiarati, per il bene del nostro territorio. Temi di interesse – credo – per la cittadinanza, individuati grazie al lavoro di confronto fatto con cittadini e associazioni, per vivere meglio Ferno».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 12 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.