Regione: definiti i criteri per i progetti di promozione delle “professioni alpine”

L'assessore: "Si tratta di una proposta che coinvolge l'intero territorio regionale e si collega alla legge regionale sullo sport"

antonio rossi apertura
antonio rossi apertura

“Regione Lombardia prosegue concretamente il suo impegno a favore della promozione della montagna come ambiente e delle sue professioni collegate”.

Cosi’ l’assessore allo Sport e Politiche per i giovani di Regione Lombardia Antonio Rossi commenta la delibera che definisce i
criteri sulla base dei quali, per l’anno 2017, verranno valutate le proposte di promozione delle attivita’ della montagna e delle
professioni alpine presentate dal Collegio regionale delle Guide alpine.

OBIETTIVO DELLA PROPOSTA – “L’obiettivo del provvedimento per il quale stanziamo un contributo di 50.0000 euro – spiega
l’assessore Rossi – e’ la promozione della conoscenza della montagna, dell’escursionismo nonche’ delle attivita’ sportive di
montagna e delle professioni alpine”.

IL PROGETTO – Nel dettaglio, le proposte dovranno fare riferimento a prevenzione e formazione con attivita’ di lezioni gratuite per il pubblico presso le falesie lombarde; alla prosecuzione delle attivita’ di censimento sul patrimonio escursionistico relativo alle ferrate (inizio predisposizione nel 2015) e relativa manutenzione delle principali vie ferrate; alla formazione dei ‘capi scout’ per favorire una maggiore preparazione nella gestione delle loro uscite con bambini e ragazzi mediante il contributo della figura professionale dell’accompagnatore di media montagna; a percorsi per promuovere con iniziative, presso il pubblico e le scuole, visite escursionistiche sportive mediante il contributo  della figura dell’accompagnatori di media montagna nonche’ eventi di piazza che avvicinino i cittadini al mondo affascinante della montagna.

PROPOSTA IN LINEA CON LEGGE REGIONALE – “Si tratta di una proposta – aggiunge l’assessore Rossi – che coinvolge l’intero
territorio regionale e si collega alla legge regionale sullo sport che, lo ricordo, prevede al suo interno una specifica attenzione al mondo della montagna e delle sue professioni da parte di Regione Lombardia”. “Ulteriori proposte – conclude – saranno valutate e approvate con successivo decreto dirigenziale e le relative azioni e iniziative saranno realizzate nel corso del 2017 dal Collegio regionale Guide alpine”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.