Sesso con minori in cambio di hashish e soldi, impiegato in manette

Il 35enne è accusato di aver adescato due 16enni e di averli indotti ad avere rapporti sessuali con lui, un amico e con prostitute. L'indagine dei Carabinieri dopo la denuncia di un genitore

abusi minori
abusi minori

Se ne sono accorti i genitori di una delle due vittime, due sedicenni di un paese nei dintorni di Busto Arsizio: soldi in tasca, comportamenti strani, bugie. A fornire quel danaro, che altrimenti non avrebbero mai potuto avere, era un 35enne incensurato, distinto impiegato nel settore della sanità pubblica di giorno e di sera adescatore da bar di paese che, nel giro di qualche settimana di conoscenza, ha attirato le sue “prede” in casa in cambio di hashish e li ha indotti ad avere rapporti sessuali con lui, un amico e con alcune prostitute occasionali.

I carabinieri della Compagnia di Busto Arsizio, però, non hanno sottovalutato la denuncia di quei genitori e, nonostante la resistenza opposte da parte delle due vittime (probabilmente per vergogna, ndr),  hanno indagato a fondo per risalire all’uomo che è stato arrestato su ordine del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Milano che ha accolto in pieno la tesi degli investigatori. Ora è in carcere con le accuse pesanti di violenza sessuale aggravata, prostituzione minorile, spaccio di sostanze stupefacenti.

Il 35enne aveva fatto leva sulla propria disponibilità economica a fronte del tenore di vita delle vittime che è piuttosto modesto e, tra gennaio e marzo di quest’anno, è riuscito a circuire ed assoggettare psicologicamente i due minori attraverso continue cessioni di  hashish  (che in sostanza veniva regalato) e la consegna di piccole somme di denaro.

Da quanto è emerso dalle indagini il 35enne avrebbe avuto rapporti sessuali con i due ragazzi in alcuni casi in presenza di due prostitute e in altri con la complicità di un secondo soggetto, amico dell’arrestato e di conseguenza denunciato piede libero per aver concorso a commettere gli stessi reati. Il 35enne è ora in carcere in via per Cassano in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 05 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.