Un convegno sul cyberbullismo

Istituzioni, mondo della scuola, associazioni e forze dell’ordine fanno il punto a quattro mesi dal varo della legge lombarda

serata sul cyberbullismo
banchi

Fare il punto su cyberbullismo, sexting e tutela dei minori in rete, a quattro mesi dall’approvazione in Consiglio regionale della legge in materia. Questo l’obiettivo del convegno in programma mercoledì 31 maggio a Palazzo Pirelli (ore 9.30, Sala Gaber – ingresso piazza duca d’Aosta, 3), promosso dal Corecom Lombardia. Ad aprire i lavori Federica Zanella, Presidente del Comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia, e il Presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, che presenteranno i temi della giornata. L’evento vedrà gli interventi di oltre 20 autorevoli speakers, tra cui il vice ministro all’Economia Luigi Casero, e il Sottosegretario alla Giustizia, Cosimo Maria Ferri.

Secondo l’ultimo rapporto Istat, tra i ragazzi che usano cellulare e Internet il 5,9% ha denunciato di avere subito ripetutamente atti vessatori tramite sms, mail, chat o social network. Un recente studio effettuato su un campione di adolescenti lombardi ha rivelato la crescita del fenomeno: 71.000 giovani lombardi tra i 15 e i 24 anni hanno avuto esperienze dirette di cyber bullismo, 230.000 adolescenti conoscono almeno una persona che ha avuto problemi con reati telematici, un ragazzo su cinque (22%) ha ricevuto messaggi con parole, immagini o video a sfondo sessuale (fenomeno del “sexting”).

Gli interventi messi in campo dalla Regione saranno illustrati da Massimo Pagani, Garante per l’infanzia e l’adolescenza, e dal Vice Presidente, Fabrizio Sala.

Un tema importante che vede riuniti nel contrasto e nella prevenzione, l’AGCOM che sarà rappresentato dallo stesso Commissario, Antonio Martusciello, il mondo scolastico (sarà presente Giuseppe Pierro, Coordinatore Safer Internet del MIUR) e le Forze dell’ordine (con il Comandante provinciale dei Carabinieri, Canio Giuseppe La Gala, Ciro Cascone, Procuratore del Tribunale per i minori di Milano e Lisa Di Bernardino, Vice Questore Aggiunto alla Polizia di Stato).

Testimonianze del fenomeno saranno portate in un video messaggio da Javier Zanetti (Vice Presidente Inter F.C), da Paolo Picchio, padre di Carolina, uccisa a 14 anni dal cyberbullismo che la vide inconsapevole vittima di filmati girati contro la sua volontà e contro il suo volere diffusi in rete, dalla conduttrice Costanza Caracciolo, dal giovane youtuber Leonardo Decarli, dagli atleti dell’Aeronautica Militare.

Opportunità e potenzialità della normativa sulla tutela della persona saranno illustrati in una tavola rotonda cui parteciperanno il consigliere regionale Fabio Pizzul, relatore della legge della Regione Lombardia contro il cyberbullismo, l’onorevole Mariastella Gelmini, il Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Gabriele Dossena, Camilla Bistolfi (Istituto Italiano per la Privacy), Ruben Razzante, docente di Diritto dell’informazione dell’Università Cattolica di Milano, Piermarco Aroldi, direttore OssCom e dall’ideatrice di Parole O_Stili, Rosy Russo.

Un focus sarà dedicato alle azioni concrete svolte nei territori con l’illustrazione da parte di Marco Valerio Cervellini dei progetti educativi della Polizia postale, degli aspetti socio sanitari da parte di Luca Bernardo, Direttore della Casa pediatrica e del Centro Antibullismo dell’ospedale Fatebenefratelli.

Dati e prospettive saranno al centro degli interventi di Paola Ferrari, portavoce nazionale dell’Osservatorio sul Bullismo, del Presidente dell’associazione “La Banda degli Onesti”, Savino Accetta, del Presidente di Pepita Onlus, Ivano Zoppi, e dal direttore dell’Associazione sportiva Fight, Paolo Biotti

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.