“Volontari per un giorno” alla Fondazione Piatti

Oltre quaranta dipendenti della Nielsen di Lugano hanno prestato "servizio" nelle diverse sedi della Fondazione. Una giornata che li aveva visti protagonisti già lo scorso anno

lavoratori nielsen volontari per un giorno

A un anno dalla positiva esperienza vissuta dai propri dipendenti della sede di Lugano, Nielsen – multinazionale di ricerche di mercato – ha scelto di nuovo Fondazione Renato Piatti onlus per il suo Global Impact Day 2017 (NGID): la giornata annuale in cui la Società dedica il tempo del proprio personale a favore della comunità con attività di volontariato in tutto il mondo.

Una giornata di lavoro fuori dall’ordinario e fuori dai confini per 40 dipendenti (6 in più rispetto all’edizione 2016 con 4 ospiti: 3 americani e un canadese) che questa mattina di buonora sono stati accolti dagli ospiti della comunità socio sanitaria de La Nuova Brunella di Varese. Dopo una breve colazione si sono divisi in gruppi per raggiungere i centri della provincia di Varese dove hanno lavorato per tutta la giornata.

Dieci volontari si sono occupati del restyling della sala accoglienza e attività educative della Residenza Sanitaria per Disabili (RSD) di San Fermo di Varese. Dotati di rulli, pennelli e colore hanno prima imbiancato e poi abbellito con quadri e poster la sala che rappresenta il cuore pulsante del centro dove, ogni giorno, si svolgono diverse attività espressive, si ascolta la musica, si guardano film e ci si rilassa.

Alla Comunità Terapeutica per minori di Fogliaro di Varese otto volontari si sono dati da fare per bonificare l’ampio parco che aveva proprio bisogno di una bella ripulita dopo l’inverno. L’obiettivo, raggiunto, era di rendere il giardino più sicuro in modo tale che i giovani ospiti possano svolgere le attività all’aria aperta in tutta sicurezza.

Al Centro Riabilitativo Semiresidenziale (CRS) di Besozzo quattro volontari hanno avuto l’occasione di partecipare, insieme al personale professionista di Fondazione Piatti, ad alcune attività di sostegno e riabilitazione dei bambini del centro, prevalentemente autistici o affetti da patologie neuromotorie. Hanno visto di persona quanto si può fare concretamente per loro ogni giorno.

 Giornata di pulizia di primavera per il Centro Diurno Disabili (CDD) di Bregazzana di Varese dove undici volontari Nielsen si sono dati da fare per imbiancare e sistemare gli spazi al primo piano.

Infine, al Polo di Bobbiate di Varese sei dipendenti hanno imbiancato alcune sale che avevano bisogno di una rinfrescata.

«Dopo il successo riscontrato l’anno scorso, abbiamo voluto sostenere anche quest’anno la Fondazione Renato Piatti onlus perché abbiamo avuto il piacere di toccare con mano, concretamente, quanto questa realtà locale sposi pienamente alcuni valori globali che Nielsen promuove in ambito lavorativo, quali la diversità e l’integrazione – Ha dichiarato Toni Petra, Managing Director Nielsen Lugano

«Un sentito grazie ai dipendenti di Nielsen che hanno vissuto con noi questa intensa giornata, lavorando sodo e condividendo anche il pranzo con i nostri ospiti e operatori dimostrando, ancora una volta, che l’inclusione sociale è la strada giusta da perseguire. – Afferma Michele Imperiali, Direttore Generale di Fondazione Renato Piatti Onlus – Mi auguro che questa esperienza sia stata utile ai volontari di Nielsen per entrare in sintonia con l’essenza della nostra missione e anche per comprendere quanto il volontariato sia importante per la nostra attività quotidiana e per l’arricchimento di tutti coloro che decidono di supportarci.»

Al termine della giornata di volontariato d’impresa i 43 dipendenti Nielsen, di 8 nazionalità differenti, hanno deciso di aderire personalmente alla raccolta fondi per il progetto di Fondazione Piatti “Libero per tutti” che prevede la creazione di un’area giochi all’aperto, senza barriere, realizzata nello spazio verde di pertinenza del Centro per bambini con autismo La Nuova Brunella (CTRS – Centro Terapeutico Riabilitativo Semiresidenziale di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza) inaugurato il 1° settembre scorso. Il parco giochi, porterà notevoli benefici ai 30 bambini, di età compresa tra i 3 e i 14 anni, che frequentano il centro, in termini di divertimento, sviluppo delle capacità motorie (senso dell’equilibrio e dello spazio), sviluppo delle capacità di immaginazione e delle abilità di cooperazione. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.