Entusiamo, divertimento e solidarietà in acqua a Monate

670 i nuotatori al via provenienti da tutto lo stivale, con ogni mezzo: aereo, treno, camper e macchine per un evento che difficilmente verrà dimenticato a Travedona Monate, teatro dell’Italian Open Water Tour Challenge

670 i nuotatori al via provenienti da tutto lo stivale, con ogni mezzo: aereo, treno, camper e macchine per un evento che difficilmente verrà dimenticato a Travedona Monate, teatro dell’Italian Open Water Tour Challenge.

Galleria fotografica

Italian Open Water Tour Challenge a Monate 4 di 57

Giornata caratterizzata da uno splendido sole estivo e dalla voglia di fare festa che si respirava nell’aria fin dal primissimo mattino: sono comparsi i primi gazebo dei team partecipanti alle 7 del mattino e presto il pratone della Canottieri Monate è diventato un vero Happening Open Water.

Puntualissima la partenza alle 9.30 della 5000 mt in cui si sono confermati, a distanza di un anno, vincitori assoluti il mattatore di giornata Andrea Ferrari (atleta di Derthona Nuoto, sul podio in tutte e tre le gare) col grandissimo tempo di 1h07’54”, e Erika Audasso di CSR Granda con 1h09’36”. Nella speciale classifica “Natural” (col solo costumino) i vincitori sono stati Lorenzo Canuto di Torino Triathlon col tempo di 1h09’36” e Lara Ciceri con 1h20’13”.

Clou della giornata la spettacolare partenza della 2500 mt che ha visto imporsi Marco Leone, Arona Nuoto, in solitaria con 33’13” mentre tra le donne ha vinto Consuelo Vecchio, Attraversatori di Pozzanghere PV, con 36’28”. Vincitori al naturale Davide Mandelli, Sport Management, con 36’15” e Benedetta Beverina, Varese Life Master, col tempo di 43’28”.

Vero spettacolo nello spettacolo la staffetta del pomeriggio con ben 62 team in acqua, a contendersi il podio, che hanno contribuito ad alzare moltissimo il livello  delle prime staffette con tempi di rilevanza assoluta: si confermano “padroni” di Monate (già vincitori del Challenge 2016) i Paok Thessaloniki di Mandelli (vincitore Natural della 2500 mt), Beretta e Rossini con lo strepitoso tempi di 33’56”, seguiti da Varese Life Master AntiCeli di Greco, Paoloni e Ferrari con 35’14” e dagli Swim Core di Luccarelli, Chiarcos e Malorni con 35’58”. Italian Open Water Tour Challenge a Monate

Il cambio fuori acqua “all’australiana” ha reso la gara come la più partecipata dal pubblico con un tifo davvero emozionante.

Non solo però atleti di livello assoluto, ma tante belle storie di molti appassionati che hanno voluto esserci pur non essendo in grande forma, giustamente i più acclamati all’arrivo rendendo Italian Open Water Tour gare davvero aperte a tutti, in cui nessuno si potrà mai sentire fuori posto.

Partecipatissime le premiazioni a suon di musica curata da Twiggy Cafè iniziate con la presenza di Gabriele Rizzi, travedonese, a cui l’organizzazione in concertazione col Comune di Travedona Monate e la Canottieri Monate, ha devoluto parte dei propri incassi per finanziare la trasferta ai Campionati del Mondo per Trapiantati di Malaga di fine mese. Emozionanti le sue parole e la commozione  di tutti davanti ai suoi nuovi tifosi che iscrivendosi gli hanno permesso di coronare un sogno tra le mille difficoltà della malattia.

Il Trofeo più sentito è stato certamente il II Trofeo Open Water Open Mind Avis Provinciale Varese andato all’atleta più giovane donatore Avis  tra gli iscritti, Andrea Ferrari, a testimonianza che la donazione e lo sport ad alto livello sono un binomio possibile, importante e molto simbolico.

La consegna dei Trofei a squadre è stata contrassegnata da grande entusiasmo: ad aggiudicarsi la bottiglia più grande etichettata I HAVE A SWIM IN MONATE, il Monate’s best Team (i migliori 5 tempi sulla 2500 mt), è stata la compagine varesina di Happy Sport Team, mentre il gruppo più numeroso ha visto spuntarla, con un bellissimo testa a testa con gli applauditissimi Swimmer Inside, la marea fucsia degli Attraversatori di Pozzanghere di Pavia che hanno portato al traguardo propri atleti per ben 56 volte!

Questo vero e proprio heppening open water, nonostante qualche multa staccata di troppo da cui il Comune di Travedona Monate prende le distanze in quanto intervento non della polizia comunale, ha visto gli ultimi gruppi  abbandonare il pratone di Travedona al tramonto con l’euforia ancora palpabile ed un solo pensiero in testa: la prossima tappa di Italian Open Water Tour di Maccagno il 27 agosto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 giugno 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Italian Open Water Tour Challenge a Monate 4 di 57

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.