Mille posti a tavola per la risottata in piazza

Enorme impegno organizzativo delle associazioni. Un weekend importnate, anche con il concerto La Dinarda e il raduno di mezzi d'epoca

Risottata Albizzate
Centinaia di persone hanno assaggiato la prelibatezza dalla padella dei record

Quello che si prospetta da venerdì 23 giugno a domenica 25 giugno si presenta come tre giorni di grandi appuntamento che potranno accontentare le aspettative, anche quelle più esigenti.

Si parte venerdì 23 giugno alle ore 21.00 con il Concerto in Chiesa del Coro La Dinarda che festeggia i cinquant’anni della sua fondazione.
Infatti “La Dinarda” venne fondato da un gruppo di amici amanti della montagna, scegliendo come nome quello della via dove spesso si riunivano nel 1967 ,e da allora ha portato la sua musica in concerto in Italia e in Europa, partendo dal repertorio alpino per poi sperimentare musiche di origine diversa sia italiana, sia dialettale che proveniente da altri paesi. Cinquant’anni di storia è costellato da mille episodi che saranno raccontate da una mostra fotografica che sarà aperta la sera del Concerto all’interno della sede Comunale.

Il giorno dopo, sabato 24 giugno si riproporrà “Il risott d’Albizzate”, la risottata che convoglia centinaia di persone presso la Piazza IV Novembre, ad attendere la realizzazione del risotto alla luganega preparato con la pentola dei guinness della Pro Loco di Gallarate.
La risottata sarà, ancora una volta, il risultato dell’impegno corale delle diverse anime albizzatesi, la Pro Loco, il Gruppo Alpini, il gruppo Pescatori, le Associazioni sportive, Le Vecchie Glorie, Noi Donne, l’Oratorio, l’Avis e l’Aido, il Circolo The Family, il Mega, il Comitato Genitori, la Scuola Materna, il Comitato Calabro Lombardo, il Comitato Maria Letizia Verga, Zampe Felici, il Corriscuola, la Protezione civile e tanti volontari che insieme proporranno un evento eccezionale, nato proprio con l’intenzione di esaltare il mondo del volontariato Albizzatese e la capacità delle persone di realizzare grandi imprese quando sono chiamate a lavorare insieme.
Capofila della manifestazione sarà la Pro Loco di Albizzate che avrà il compito di dirigere con sapienza le molte personalità presenti e che fin dalle prime ore del 24 giugno si adopereranno per allestire un ampissimo ristorante all’aperto con più di 1000 posti a sedere, preparare i vari punti ristoro e tutto ciò che serve a creare l’atmosfera festosa.
La festa vera e propria inizierà alle ore 19.00 quando verrà messo nella pentola il soffritto che insaporirà il risotto “rugato” da rematori provenienti da tutte le Associazioni presenti. Non solo risotto, ma anche salamini, wurstel, patatine, patate elicoidali, cosa sono? lo scoprirete solo provandole, piadine e bruschette, dolci e frutta…tutte bontà che attenderanno chi parteciperà alla festa.

La zona giardino sarà dedicata ai bambini dove la signora Claudia li accompagnerà nel variopinto mondo delle carta…
A rendere più rock la serata, un’esposizione di Harley Davison che ci proietterà nell’atmosfera della Road 66 tra centauri e amanti del coast to coast in veste paesana
È tutto? La risottata è un progetto costantemente in evoluzione, perciò per avere notizie fresche sulla serata è possibile iscriversi al gruppo Pro Loco di Albizzate su facebook dove si potrà essere aggiornati.

Domenica 25 giugno si terrà invece il VI  Raduno di auto e moto d’epoca organizzato dall’associazione Le Vecchie Glorie di Albizzate.
La manifestazione avrà inizio alle ore 8.30 con l’iscrizione delle “vecchie signore” presso il piazzale Sefro mentre la partenza sarà alle ore 10.00. Un lungo corteo di auto e moto che seguirà il profilo del lago di Varese, percorrendo i dolci saliscendi delle nostre colline per ammirare il panorama e per farsi vedere dagli spettatori, mettendo in mostra design intramontabili che hanno fatto la storia dell’industria automobilistica.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 giugno 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.