“Salute e identità religiose” alla biblioteca Frera

Giovedi 22 giugno verrà presentato, presso la Biblioteca civica Frera di Tradate, il volume dedicato a un approccio multiculturale nell’assistenza alla persona

caregiver familiare
anziani sedia a rotelle badante assistenza

Giovedi 22 giugno 2017 verrà presentato, presso la Biblioteca civica Frera di Tradate, il volume “Salute e identità religiose” - Per un approccio multiculturale nell’assistenza alla persona.

Il libro, realizzato con il patrocinio della Regione Lombardia, ha come Enti promotori la Veneranda Biblioteca Ambrosiana, AME (Associazione Medica Ebraica), COREIS (Comunità Religiosa Islamica Italiana), Collegio OPASVI Milano Lodi Monza e Brianza (Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari e Vigilatrici d’Infanzia).

L’opera, in procinto di essere presentata a papa Francesco e presso la sede della Regione Lombardia, verrà proposta ad Aziende Ospedaliere italiane, Associazioni di assistenza e di volontariato ed istituzioni. A tali eventi di presentazione relazioneranno alcuni componenti del Comitato Scientifico di “Insieme per prenderci cura”, appartenenti a culture e religioni diverse, avendo essi approfondito dal punto di vista formativo, clinico, deontologico ed etico vari aspetti di tematiche particolarmente significative nel campo sanitario e socio-sanitario. La finalità di tale impegno è la proposizione di un’azione civile e caritativa congiunta di forze laiche e religiose di fedi diverse in grado di mettere il paziente, la persona, al centro dell’assistenza, nel pieno rispetto della sua identità religiosa e culturale.

Per iniziativa dell’AVIS Comunale Tradate il primo di questi incontri sul territorio avverrà a Tradate, giovedì 22 giugno, dove, invitati dallo stesso ente organizzatore AVIS, interverranno – oltre alle Autorità locali e della Regione Lombardia – il Direttore Medico del Presidio Ospedaliero di Tradate ed il Direttore Generale dell’ASST Settelaghi, una rappresentanza dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri Provincia di Varese, il Vice prefetto della Veneranda Biblioteca Ambrosiana, il Presidente dell’Associazione Medica Ebraica AME, il Presidente Nazionale AVIS, il Vicario episcopale per la zona di Varese, e come relatori per la presentazione del libro, alcuni dei componenti del Comitato scientifico di “Insieme per Prenderci cura”: i dottori Giorgio Mortara (vice presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane), Alberto Scanni (già direttore generale dell’Istituto dei Tumori di Milano), Abd al-Sabur Gianenrico Turrini (direttore generale della COREIS Comunità religiosa Islamica Italiana), Giovanni Muttillo (presidente del Collegio IPASVI ente ordinistico degli infermieri).

“Salute e identità religiose” risponde alla necessità di fornire agli operatori sanitari degli elementi di riflessione e di informazione. Si presenta come un testo utile ai medici, agli infermieri, ai malati ed ai loro famigliari, ad assistenti sociali e volontari, per valorizzare e rispettare le diverse sensibilità religiose e culturali, mantenendo sempre al centro l’attenzione per la persona malata e la sua dignità.

Considerata la significatività dell’approccio e l’importanza delle tematiche trattate, l’incontro, che ospita specialisti in materia, è aperto al pubblico ed in particolar modo a chi si occupa di assistenza alla persona ed ai più deboli di qualsiasi provenienza culturale e religiosa.
Verranno rese disponibili copie del libro, pubblicato grazie al sostegno degli Enti promotori e del Centro Studi Grande Milano. L’incontro verrà aperto e moderato da Franco Negri, giornalista e presidente AVIS Tradate.

Nel corso della serata verranno eseguiti intermezzi musicali a cura della violinista Alessandra Romano, concertista presso le più importanti orchestre italiane e teatri (La Scala di Milano e Auditorium RAI di Torino).

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 20 giugno 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.