E’ morto il partigiano Carlo Suzzi detto il “quarantatre”

Nato a Busto Arsizio (Varese) il 16 luglio 1926, unico sopravvissuto alla strage di Fondotoce

partigiano carlo suzzi

E’ morto il Partigiano Carlo Suzzi, detto il “43”. Nato a Busto Arsizio (Varese) il 16 luglio 1926, unico sopravvissuto alla strage di Fondotoce. Il suo nome di battaglia era diventato “Quarantatre” dopo che il ragazzo (sopravvissuto all’eccidio di Fondotoce), era stato curato, si era ristabilito e, da Verbania dove abitava, era tornato con i partigiani della Divisione “Valdossola”, battendosi con loro, sino alla Liberazione, nel ruolo di caposquadra.

Nel libro di Barbieri, “I soprovvissuti” (Ed. Feltrinelli), c’è una testimonianza che lo ricorda: “Carlo Suzzi lo si può ancora sentire – anche se nel secondo dopoguerra è andato ad abitare in Thailandia – se ci si sofferma in una stanza buia lungo il “Sentiero Chiovini”, nel Parco della Memoria e della Pace. Per molti anni il sopravvissuto è tornato in Italia, per incontrare i suoi compagni di lotta e, nella ricorrenza dell’eccidio, ricordare con loro i 42 martiri di Fondotoce”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 luglio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.