Minacce anonime per i cani che abbaiano: “O stanno zitti o ci penso io…”

Si tratta di una diatriba tipica dei rapporti di vicinato e che può capitare a chiunque. Quello che non deve assolutamente capitare sono però le minacce

minacce cane
Foto varie

Una minaccia in piena regola recapitata a mezzo posta per far zittire i cani che abbaiano. È la “sorpresa” trovata da una cittadina di Albizzate una volta aperta la posta di casa.

Si tratta di un foglio molto eloquente che si apre con una precisazione: “Questo è il primo avvertimento” e a seguire il contenuto della minaccia: “O trovate voi una soluzione a far star zitti quei cani o ci penso io…”.

Si tratta di una diatriba tipica dei rapporti di vicinato e che può capitare a chiunque. Quello che non deve assolutamente capitare sono però le minacce.

La persona che ha denunciato questo episodio, lo ha fatto con un post su Facebook scrivendo che : “Visto che si tratta di un vicino di casa siamo aperti a qualsiasi dialogo. Evitiamo di fare delle minacce, siamo persone adulte. Hanno spaventato tanto i miei figli! Non voglio che vivono nel terrore di chi abita vicino a noi!”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 luglio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bustocco-71

    Decisamente da condannare sia il biglietto che il tono dello scritto (oltre che la grammatica); certo è che anche chi ha cani che abbiano tutto il giorno e tutta la notte (e ce ne sono tanti tanti tanti sempre più)…

  2. Scritto da stefania_vitale

    Ai cani non si può impedire di abbaiare, ma si può venire incontro al vicinato chiudendo l’animale in casa in determinate fasce orarie e magari dedicandogli più tempo nel caso agisca per noia e non solo per proteggere il territorio.
    Va valutato anche se è un abbaiare sporadico (del tutto naturale e tollerabile) oppure una cosa che va avanti ore.

    Poi naturalmente ci sono persone che non tollerano cani, gatti, bambini, gli essere umani in generale e che affrontano il tutto con arroganza, presunzione e purtroppo anche con le minacce ( velate ma anche palesi come in questo caso)..in tal caso è il vicino in questione evidentemente ad avere qualche problemino (e ce ne sono tanti così). E un vicino così è bene segnalarlo sempre.