Sfruttamento della prostituzione, sequestrati 9 appartamenti

L’ordine emesso dal Gip dopo la ricostruzione dei fatti imputabili a tre uomini che affittavano gli immobili riconducibili a una società di comodo

Avarie

Già, nei loro confronti, – padre e due fratelli – la magistratura novarese stava indagando per il reato di sfruttamento della prostituzione.

A questo filone di indagini nei giorni scorsi si è aggiunto un ordine di sequestro di nove appartamenti adibiti, secondo l’accusa, a lupanari, luoghi dove si consumavano rapporti sessuali a pagamento.

Per mettere in piedi il loro giro losco i tre (P.R. 1956, P.L., 1990, e P.A. classe 1984) utilizzarono alcune società di capitali “proprietarie” degli immobili, come artifici giuridici “schermo” per le attività sospette.

Quali? L’affittare, consapevolmente, a prostitute gli immobili a prezzi di locazione ben superiori a quelli di mercato.

Due dei nove appartamenti erano di proprietà di privati – e non delle società – che tuttavia si servivano del terzetto in qualità di intermediari per gli utenti finali, prostitute e transessuali.

Gli immobili, tutti in “nuda proprietà”, hanno un valore di circa un milione e sono tutti ubicati in città, a Novara.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 luglio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.