Canone RAI in bolletta: in un anno 5,5 milioni di utenti in più

L'Agenzia delle Entrate evidenzia la crescita del gettito fiscale passato da 1,7 a oltre 2 miliardi di euro. Questo aumento destinato ad abbassare il canone

Avarie
Canone Rai generica generiche

Il prelievo diretto nella bolletta della luce ha portato a un aumento di oltre 5,5 milioni di abbonati alla TV di Stato. I dati sono stati resi noti dall’Agenzia delle Entrate che ha contrato più di 22 milioni di abbonati totali, con un incremento del 34,2% di contribuenti in più rispetto al 2015. (leggi)

Il recupero dei nuovi abbonamenti si è registrato soprattutto nelle in sei regioni del Sud d’Italia dove la crescita è stata del 44%, con un picco del 58,1% in Sicilia, del 57,3% in Calabria del 68% in Campania.

Tra le regioni del Nord si registra un aumento del 38% di nuovi abbonati in Veneto seguito dal Piemonte (33,8%) e dal Trentino (32,9%). In Lombardia i nuovi abbonati sono stati 920 mila. Nessuna variazione di rilievo, infine, è stata registrata nella provincia di Bolzano dove  erano 157 mila a pagare e sono diventati 159 mila,

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 agosto 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    E poi a pensare mal del sud italia si fa peccato…..

  2. Scritto da lenny54

    E per l’anno 2018 il canone scendera’ ulteriormente a 90 euro. Ci voleva cosi’ poco. Se si riuscisse ad applicare il criterio anche per altre tasse, pagheremmo tutti meno. Alcuni partiti al tempo della proposta si opposero alla misura, andrebbero messi fuori legge a causa del loro remare contro l’interesse del paese. Cosi’ come quelli che favoriscono l’abuso edilizio dando la colpa alla politica. Tutto per qualche voto in piu’ in vista delle prossime elezioni in Sicilia. Povera Italia!

  3. Scritto da mike

    No caro signor Felice, non si tratta di “pensare male” del sud, si tratta solo di essere onesti e constatare la realtà! I “fessi” siamo noi che non riusciamo ad essere al livello di “furbizia” dei meridionali e continuiamo a pagare anche per loro! Punto.