E’ un Varese ancora frenato: 2-2 contro il Verbano

La squadra di Iacolino cresce di condizione, ma qualcosa da oliare c'è ancora. Molinari segna una doppietta ma esce dolorante. Il mister: «Luci e ombre, ma ci siamo»

varese verbano

Non riesce a vincere il Varese nella prima stagionale al “Franco Ossola” il Varese, che impatta 2-2 contro un coriaceo Verbano, ben disposto in campo e capace di trovare per due volte la via della rete. I biancorossi invece sono ancora una macchina da oliare, sia come movimenti, sia a livello fisico e atletico. Bene Molinari, che trova per due volte la via della rete e aumenta l’affiatamento con Longobardi, ma l’argentino esce dal campo con una leggera distorsione alla caviglia che si spera non sia nulla di più grave. Oggi meglio la fase offensiva per la squadra di Iacolino, meno bene invece il possesso palla, con tante palle perse e diversi palloni lunghi regalati alla difesa del Verbano.

FISCHIO D’INIZIO – Prima uscita stagionale per il Varese al “Franco Ossola” davanti a un nutrito numero di spettatori, che hanno riempito la tribuna dello stadio. Mister Iacolino continua le prove per cercare la formazione migliore, provando il 4-3-1-2 con Bizzi in porta, Careccia e Granzotto esterni di difesa, Ferri e Bruzzone centrali. A centrocampo, al fianco del regista Magrin, ci sono Monacizzo e Zazzi, mentre in avanti Rolando gioca alle spalle di Molinari e Longobardi. Il Verbano di mister Celestini, che punta a un buon campionato di Eccellenza, si dispone con un 3-5-2 con tanti ex biancorossi in campo.

IL PRIMO TEMPO – Dopo qualche minuto ben giocato dal Varese, ma senza spunti, i biancorossi trovano il gol al 10’ con Molinari, che scatta sul filo del fuorigioco e supera Spadavecchia con un pallonetto. Il Verbano però è vivace e al 17’ trova il pareggio. La difesa biancorossa pasticcia e perde palla, Licciardiello difende bene la sfera in area e serve Oldrini che dall’altezza del dischetto scarica in rete un sinistro potente. I besozzesi giocano un buon calcio e mettono sotto pressione Ferri e compagni. Il Varese si rivede al 34’ con Longobardi, che da due passi di testa manda incredibilmente alto. Al 37’ Molinari intercetta un retropassaggio errato di Licciardiello, ma dopo aver saltato Spadavecchia non trova la porta con il sinistro da posizione difilata. Al 40’ ancora Molinari sguscia in area e serve Longobardi, che però non inquadra lo specchio da buona posizione. Niente da fare per i biancorossi: all’intervallo è ancora 1-1.

LA RIPRESA – Alla prima azione del secondo tempo il Varese ritrova il vantaggio: spunto di Longobardi sulla destra e palla indietro per Molinari che con il piatto destro mette all’incrocio. I biancorossi si dimostrano più pimpanti, ma anche più pericolosi e nel primo quarto d’ora sfiorando ancora il gol con Zazzi, bravo Spadavecchia a mettere in angolo, e con Longobardi che calcia di poco a lato. Come spesso accade nelle amichevoli estive, il cambio e i carichi di preparazione fanno abbassare il ritmo di gara e così bisogna aspettare il 32’ per una nuova occasione da gol che porta al pareggio del Verbano. Caputo sorprende la difesa biancorossa e con un colpo testa supera in pallonetto Bizzi. Nel finale Tripoli prova a dare un po’ di brio al Varese, ma senza riuscire a risvegliare la gara, che termina senza recupero sul 2-2.

Al termina della sfida mister Iacolino si dice soddisfatto a metà: «Luci e ombre. Abbiamo fatto cose buone e altre meno contro una squadra ben organizzata. Siamo alla terza partita, abbiamo sbagliato ancora qualche gol di troppo, ma creare numerose occasioni da rete è comunque un buon aspetto. Oggi ho voluto provare Rolando dietro a due punte, altrimenti poi non avrò tempo di farlo. Rolando a volte si innamora troppo della palla e dovrebbe giocare più per le punte, che oggi hanno fatto un buon lavoro».

Christian Longobardi anche oggi ha giocato con grande voglia, raccogliendo un bel po’ di applausi dai tifosi del “Franco Ossola”: «I numeri tattici lasciano il tempo che trovano. Oggi non siamo andati malissimo. Fa piacere ricevere gli applausi, ma io porto avanti il mio lavoro. Mi sento addosso l’entusiasmo dei ragazzini. Con Hernan c’è grande feeling a livello umano. Cerchiamo di darci da fare e siamo due giocatori che hanno le caratteristiche per migliorare la squadre. Credo stia nascendo qualcosa di molto bello. Non sono contento della mia partita, ma non siamo così indietro come dicono i risultati. Siamo a buon punto, vedo la squadra crescere e lavorare giorno dopo giorno e i più esperti che corrono per dare l’esempio ai più giovani, che rispondono bene».

TABELLINO

Varese – Verbano 2-2 (1-1)

Marcatori: al 10’ pt e al 2’ st Molinari (Va), al 17’ pt Oldrini (Ve), al 32’ st Caputo (Ve).

Varese (4-3-1-2): Bizzi; Careccia, Ferri, Bruzzone, Granzotto (dal 7’ st Arca); Monacizzo (dal 12’ st Palazzolo), Magrin, Zazzi (dal 41’ st Battistello); Rolando (dal 28’ st Rota); Molinari (dal 15’ st Lercara), Longobardi (dal 38’ st Tripoli). A disposizione: Scapolo, Melesi, Lonardi, M’Zoughi, D’Arbenzio, Zecchini, Lercara, Kourfalidis. All.: Iacolino.

Verbano (3-5-2): Spadavecchia (dal 12’ st Penna); La Marca, Bratto (dal 12’ st Scurati), Sorrentino; Micheli (dal 12’ st Naldi), Oldrini (dal 12’ st Caputo), Malvestio (dal 12’ st Del Santo), Amelotti, Gecchele; Verde (dal 12’ st Monteverdi), Licciardiello (dal 12’ st Caliman). All.: Celestini.

Arbitro: sig. Formaglio.

Note: giornata calda e serena, terreno in discrete condizioni; Calci d’angolo: 5-0; Ammoniti: nessuno. Recupero: 0’ + 0’.

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 13 agosto 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.