Che cos’è la via Francisca del Lucomagno: da Costanza a Varese e fino alla Francigena

Tutte le informazioni sul percorso che dalla Svizzera attraversa per intero la provincia di Varese per poi giungere a Pavia e collegarsi con la Via Francigena e quindi Roma

La via Francisca del Lucomagno è il cammino che dalla Svizzera, attraversa per intero la provincia di Varese per poi giungere a Pavia e collegarsi con la Via Francigena e quindi Roma.

La valorizzazione della via Francisca in provincia di Varese

Il progetto che ha già cominciato a valorizzare il cammino in provincia di Varese, Milano e Pavia coinvolge 49 enti italiani.

Tra questi ci sono Regione Lombardia, Provincia di Varese, i Comuni attraversati dal cammino, la Comunità Montana del Piambello, i Parchi Campo dei Fiori e Alto Milanese e il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, parte ufficialmente il progetto di valorizzazione della Via Francisca del Lucomagno, cammino che dalla Svizzera, attraversa per intero la Provincia di Varese per poi giungere a Pavia e collegarsi con la Via Francigena. Il protocollo ufficiale è stato firmato giovedì 21 settembre. Ecco il video:

Nella mattinata di sabato 23 settembre è partito  da Ponte Tresa, dove inizia il cammino al confine con la Svizzera, il primo gruppo di pellegrini italiani e svizzeri della Via Francisca del Lucomagno LEGGI L’ARTICOLO.

Via Francisca del Lucomagno I tappa
50 pellegrini in cammino sabato 23 settembre 2017
La foto dei primi pellegrini

Via francisca: percorso

La Via Francisca va da Costanza a Pavia ed è lunga complessivamente 510 chilometri, di cui 135 corrispondono al tratto italiano (sono invece 62 i chilometri in provincia di Varese). Le tappe principali sono Costanza, san Gallo, il Lucomagno, Bellinzona, Agno, Varese e Pavia.

Percorso via francisca del lucomagno

Il tracciato della via Francisca

Gran parte della Via corrisponde a sentieri o piste ciclopedonali, per cui può essere agevolmente percorso durante tutto l’arco della giornata e per l’intero anno, anche nella parte elvetica ove viene utilizzato il valico più basso dell’area. L’intero percorso può essere effettuato anche in mountain bike, considerato che alcuni tratti si trovano in aree boschive e presenta, soprattutto nella zona sino a Varese, dislivelli considerevoli. Il tragitto da percorrere nella parte italiana della Via Francisca è contraddistinto con segnavia e cartelli. Trattandosi di un work in progress seguirà man mano la pubblicazione di materiali e new sull’incremento del percorso. Il logo che contraddistingue il percorso è stato definito utilizzando ed adattando il logo dell’AIVF.

Il tratto della via francisca del lucomagno a Varese

Il tracciato che attraversa il territorio della provincia di Varese, a partire da Lavena Ponte Tresa, è di 62 chilometri e può essere suddiviso in 9 tappe delle quali la Provincia di Varese ha steso una mappa molto puntuale e precisa. Si tratta di:
Tappa 1 | Lavena Ponte Tresa – Badia di San Gemolo/Valganna
Tappa 2 | Ganna – Varese (Sacro Monte)
Tappa 3 | Varese – Castiglione Olona
Tappa 4 | Castiglione Olona – Cairate
Tappa 5 | Cairate – Castellanza
Tappa 6 | Castellanza – Castelletto di Cuggiono
Tappa 7 | Castelletto di Cuggiono – Abbiategrasso
Tappa 8 | Abbiategrasso – Motta Visconti
Tappa 9 | Motta Visconti – Pavia

GUARDA LE MAPPE DELLE TAPPE

Percorso via Francisca Varese

Ecco gli appuntamenti per scoprire le tappe varesine della via Francisca in 3 week end di cammino: LEGGI QUI

Le mappe del percorso da Lavena Ponte Tresa a Pavia

Il tracciato da Lavena Ponte Tresa a Pavia è stato svilppato sotto forma di mappe molto dettagliate grazie alla Provincia di varese in collaborazione con l’Ufficio SIT della Provincia stessa, è stato articolato in 9 tratte. GUARDA LE MAPPE DELLE TAPPE

La storia della Via Francisca del Lucomagno

La Via Francisca del Lucomagno era un antico tracciato romano-longobardo, storicamente documentato, che da Costanza – centro Europa, attraversando la Svizzera mediante il passo del Lucomagno giungeva a Pavia e lì si collegava con la Via Francigena verso Roma.
Tale percorso rappresentava una delle vie fondamentali di collegamento dal centro Europa con la Pianura Padana, riducendo in modo sostanziale il tragitto rispetto alle altre vie esistenti.
Numerosi personaggi percorsero questo tracciato e tra i più famosi ricordiamo ad esempio San Colombano, morto a Bobbio nel 615, e gli imperatori Enrico II e Federico Barbarossa.
La Via del Lucomagno è fondamentale per la storia della Chiesa e dell’Europa, poiché ricorda tutti i concili di Costanza ove si recavano pontefici, vescovi di tutta l’Europa.
Fino al 1846 (anno della costruzione del ponte di Melide), la Via Francisca del Lucomagno rappresentava la via più diretta da Milano per raggiungere Basilea o Costanza, attraversando il fiume Tresa a Ponte Tresa.
In tempi recenti, anche sulla scorta del sempre più crescente e diffuso interesse per i cammini storico-religiosi, si è avviata la riattualizzazione della Via Francisca del Lucomagno, su proposta dell’Association Internazionale Via Francigena (AIVF) e dell’Associazione Amici Badia di Ganna.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.