“La tutela della salute distorta da interessi economici illeciti”

Dura presa di posizione di Cgil Cil e Uil della Lombardia dopo l'inchiesta "Disturbo" che ha portato all'arresto di 12 medici

medici generiche
medici generiche

CGIL CISL UIL della Lombardia commentano con indignazione i risultati dell’inchiesta avviata dalla Procura di Monza e finita con l’arresto di 3 medici e la carcerazione domiciliare per altri 9 camici bianchi: «L’inchiesta della Procura di Monza – si legge in una nota – che ha condotto all’arresto di tre medici e alla detenzione domiciliare di altri nove con l’accusa di aver ricavato consistenti vantaggi economici da interventi alle anche e alle ginocchia abnormi nel numero ed effettuati con materiale protesico scadente, inquieta ed indigna.

Indigna perché ancora una volta la tutela della salute, e particolarmente di pazienti fragili, risulterebbe inquinata e distorta da interessi economici illeciti, ed inquieta per le dimensioni, per le conseguenze sulla salute delle persone, per la persistenza in ambito sanitario di condotte criminali e per l’insufficiente adeguatezza dei controlli.

Fermo restando che seguiamo con interesse lo sviluppo delle indagini, occorre riflettere sul tema dei controlli.

Occorre – affermano CGIL CISL UIL della Lombardia – che la governance della DGR Welfare e i controlli delle ATS si rafforzino e intensifichino, in particolare nei punti del sistema sociosanitario che è ormai accertato siano più esposti all’illegalità. La filiera degli appalti e delle forniture degli erogatori privati accreditati è, con evidenza, l’ambito nel quale è necessario adottare iniziative che riducano a priori le possibilità di questi fenomeni, oltre a rafforzare e intensificare i controlli per renderli efficaci sistemi di deterrenza. Chiediamo a Regione Lombardia di impegnarsi su questo a fare molto di più.

Esprimendo la massima solidarietà ai pazienti danneggiati da questa vicenda, CGIL CISL UIL continueranno a seguirne gli sviluppi con grande attenzione: la salute è un bene primario che deve essere tutelato con il massimo di legalità e rigore».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.