Nessuna traccia di Marilena Re, il caso della promoter a Chi l’ha visto

A 37 giorni dalla sua scomparsa proseguono le ricerche sul terreno con l'impiego di unità cinofile e le indagini della Procura. Il caso verrà trattato dalla trasmissione di Rai 3

Avarie

Che fine ha fatto Marilena Re? Ci hanno provato anche le colleghe con un presidio davanti ad un supermercato di Limbiate ieri, lunedì, lanciando un appello alla loro amica e compagna di lavoro, chiedendole di tornare o almeno di dare un segno del fatto che sia ancora viva dopo 37 giorni senza alcuna notizia.

Le indagini della Procura di Busto Arsizio proseguono con l’ausilio di tutti i mezzi tecnici a disposizione. Il sostituto procuratore Rosaria Stagnaro non sta escludendo nessuna pista e per tutto il mese di agosto ha seguito il caso da vicino con l’ausilio di numerose unità cinofile provenienti da tutta Italia, specializzate in questo tipo di ricerche.

I risultati, per il momento, sono pressochè nulli. Marilena sembra essersi vaporizzata ma il caso verrà trattato anche da Chi l’ha visto, la nota trasmissione dedicata alle persone scomparse che dedicherà uno spazio al caso della castellanzese il prossimo 13 settembre.

Marilena Re è scomparsa nel nulla la mattina del 30 luglio quando, invece di recarsi al lavoro come ogni mattina, è scomparsa nel nulla. Dopo 24 ore il marito, Carlo Buzzi, ha denunciato la scomparsa della moglie ai Carabinieri che hanno avviato le ricerche da subito sia a Castellanza che nella zona di Garbagnate Milanese, città dalla quale si era trasferita di recente per Castellanza.

Dietro la scomparsa si sono fatte diverse ipotesi, tutte al vaglio della Procura e dei Carabinieri del Nucleo investigativo, e tra queste è emersa la questione di un debito accumulato con l’Agenzia delle Entrate che proprio in quei giorni Marilena aveva saldato.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 05 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.