Amanti killer, contestati altri omicidi

Chiuse le indagini su altre 5 morti in Pronto Soccorso (contestate a Leonardo Cazzaniga) e sui decessi di altri due familiari (contestati al medico e alla compagna Laura Taroni)

Carabinieri in ospedale, perquisizioni in corso

Nuovi omicidi vengono contestati dalla Procura di Busto Arsizio nei confronti del medico Leonardo Cazzaniga e dell’infermiera Laura Taroni, la coppia di dipendenti dell’Ospedale di Saronno già sotto accusa per una serie di omicidi sia nel reparto di Pronto Soccorso che nella famiglia della Taroni.

TUTTI GLI ARTICOLI SUGLI AMANTI KILLER

Nella giornata di oggi (venerdì) il sostituto procuratore titolare dell’indagine Cristina Ria ha notificato nuovi avvisi di conclusione indagine nei confronti di Leonardo Cazzaniga e Laura Taroni, detenuti rispettivamente presso le case circondariali di Busto Arsizio e Como.

I provvedimenti trattano nuove contestazioni mosse nei confronti di Leonardo Cazzaniga, già accusato di aver provocato la morte di 4 pazienti, per cinque altri casi di decesso avvenuti durante il periodo di degenza nella struttura sanitaria e sanciscono ulteriori elementi di colpevolezza nei confronti di entrambi gli indagati in merito alle ipotesi di omicidio di Maria Rita Clerici e Luciano Guerra, rispettivamente mamma e suocero di Laura Taroni.

L’attività d’indagine, condotta dalla Compagnia Carabinieri di Saronno, è la naturale prosecuzione di quella che aveva portato nel novembre del 2016 all’arresto dei due amanti.

L’acquisizione di nuova documentazione, l’audizione di altre persone informate sui fatti, le segnalazioni di cittadini e le perizie degli apparati informatici sequestrati dopo l’esecuzione delle misure cautelari hanno fatto chiarezza su altri nuovi casi di decesso sospetti, tra i quali sono emerse chiare responsabilità nei confronti del medico per i cinque casi oggetto dell’avviso notificato nella giornata odierna. Per questa nuova fase i decessi sono avvenuti tra il 2011 e il 2013.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 20 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.