Dall’emorragia cerebrale alla rinascita. La storia del prof. Claudio Saita

Un anno fa è stato colpito dalla malattia e da allora ha raccontato il suo percorso di guarigione, i suoi successi e le sue sfide attraverso Facebook

Claudio Saita, docente universitario. Una anno fa, il 12 settembre 2016, è stato colpito da emorragia cerebrale. Da allora ha raccontato il suo percorso di guarigione, i suoi successi, le sue sfide, attraverso il suo profilo Facebook, trovando la sostegno e forza anche grazie alle persone che hanno iniziato a seguirlo. Grazie al contributo della giornalista Maria Rosa Di Natale EmPress, ha raccontato la sua storia a DigitaLife. Con un obiettivo: a gennaio vuole tornare in aula ad insegnare.

«Ho scelto di raccontare su Facebook la mia storia, la mia malattia, perché ho visto che molte persone sono interessate a ciò che accade nella mia vita, nella vita che sto trascorrendo qui, per affrontare il mio percorso».

E ancora: «Il giorno che mi dovessi accorgere che sono diventato narcisista, che mi avvolgo su me stesso, che quello che scrivo è noioso e non interessa, smetto di scrivere. Prima usavo i social così tanto per fare, poi il Natale scorso è cominciata questa avventura di condivisione». La sua storia potete ripercorrerla nel video in apertura di questo articolo o cliccando qui.

Claudio Saita

Sul sito ufficiale potete trovare tutte le informazioni su DigitaLife, dove saranno anche pubblicati tutti i video che invierete.

Il sito di DigitaLife – Il Film

Per mandare il vostro filmato, basta seguire le istruzioni in questa semplice scheda:

Come partecipare

DIGITALIFE E’ UN PROGETTO ANCHE TUO

È una grande ambizione raccontare il cambiamento con un film. Lo è ancor di più pensare di farlo in modo collettivo, corale, partecipato. DigitaLife sarà infatti un collage di storie che ci racconterete e che ci potrete fare avere con brevi video. Il nostro lavoro è organizzare tutto questo, raccontarlo e poi costruire l’opera grazie alla regia di Francesco Raganato.

Il digitale ha cambiato le nostre vite in profondità. Coglietene attimi, momenti, esperienze. Pensate a ciò che vi piace, vi preoccupa, vi entusiasma, vi spaventa. Anche le piccole cose quotidiane e non per forza i grandi progetti. Ognuno di noi vive, vede, ascolta storie che hanno a che fare con il digitale.

Raccontatelo. È un’azione importante per tutti noi e ci aiuterà a conoscere di più e a riflettere su cosa è successo, succede e succederà.

di
Pubblicato il 02 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.