Picchiata dal compagno che la costringeva a prostituirsi, fine dell’incubo

La donna ha chiamato la Polizia che l'ha salvata dalle percosse dell'uomo. Si era rifiutata di consegnargli i soldi delle prestazioni che lui usava per scommesse e gioco d'azzardo

violenza sulle donne

Maltrattava e faceva prostituire la compagna. Per questo un pregiudicato romeno è stato arrestato dalla volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio lo scorso 30 settembre.

Gli agenti della “pantera” sono intervenuti in via Confalonieri chiamati da una donna che, terrorizzata, spiegava al telefono che il suo uomo la stava picchiando per costringerla a consegnare i soldi guadagnati quella notte, prostituendosi sempre sotto minaccia.

Arrivati sul posto i poliziotti hanno effettivamente visto che un trentatreenne romeno, residente in città e noto soprattutto per i precedenti per reati predatori, stava picchiando la connazionale, che già mostrava sul volto i segni delle percosse ricevute.

Gli agenti hanno faticato non poco per bloccare l’energumeno, che si è scagliato anche contro di loro, ma alla fine sono riusciti ad ammanettarlo. Subito dopo hanno ricostruito la vicenda accertando che la donna, anche lei rumena e in Italia da molti anni, da qualche mese era costretta a prostituirsi lungo la S.S. 33 del Sempione. Questi non solo la costringeva a vendersi con minacce, ma spesso l’accompagna sul posto di “lavoro” e ogni notte si appropriava del denaro guadagnato dalla donna.

L’aggressione di sabato è scaturita proprio dal rifiuto della vittima di consegnare i soldi frutto della sua attività notturna, esasperata dalle angherie dello sfruttatore che tra l’altro pare sperperasse il denaro in scommesse e giochi d’azzardo.

L’uomo, d’intesa con il magistrato di turno Rosaria Stagnaro, è stato arrestato per induzione e sfruttamento della prostituzione, maltrattamenti e resistenza a pubblico ufficiale e condotto in carcere.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore