“Scopriremo la Uyba partita dopo partita”

Enzo Barbaro, ds della Unet E-Work Busto, racconta squadra e club alla vigilia del campionato. «PalaYamamay sempre più risorsa»

pallavolo uyba volley 2017 2018
Uyba Unet EWorks 2017 2018

Società rinnovata, squadra giovane, tifosi appassionati ma anche pungenti, all’occorrenza. La Unet E-Work Busto Arsizio di coach Marco Mencarelli si prepara all’undicesima stagione consecutiva nella Serie A1 femminile dopo aver completato – negli ultimi mesi – il proprio cambio di “pelle” a livello societario e aver composto una rosa che andrà necessariamente scoperta partita dopo partita. (Foto G. Alemani/Volleybusto)

Accanto a questi due aspetti, però, la società (che ora si chiama a tutti gli effetti Uyba Volley) si è impegnata a sfruttare e migliorare ancora di più il PalaYamamay, struttura importante che è considerata una vera e propria risorsa per il club e le attività a esso collegate. Alla vigilia del campionato parliamo di questi aspetti con Enzo Barbaro, dirigente ormai di lungo corso in casa biancorossa, che ora occupa il ruolo di direttore generale e di direttore sportivo.

enzo barbaro pallavolo dirigente uyba
Uyba Unet Ework Busto Arsizio 2017 - 2018 pallavolo
Enzo Barbaro premiato al Memorial Ferrari di Novara – foto G. Alemani/Volleybusto

LA SQUADRA

Reduce da un precampionato difficile, la Unet E-Work è attesa subito da una sfida durissima, sabato sera a Novara, contro una delle favorite. Ma come è nato il sestetto delle Farfalle che rappresenterà Busto Arsizio da qui alla tarda primavera? «Diciamo subito che in questi anni il livello del campionato si è innalzato – spiega Barbaro – sia sul piano tecnico sia su quello degli investimenti. E Busto, in quest’ultimo aspetto non è più una “big spender” ma è nel gruppo di società di medio livello. Quindi abbiamo scelto una strada ben precisa: ingaggiare giovani interessanti e affidarci a qualche atleta nuova sul palcoscenico italiano, cercando di indovinare qualche “colpo” di mercato. Sono arrivate italiane di grande prospettiva come Orro, Botezat o Piani, anche con contratti che vanno oltre la singola annata: cercheremo di crescere insieme a loro. E poi ci sono straniere tutte da scoprire».
Sul piano tecnico e tattico, Barbaro spiega: «Io credo che la Uyba di quest’anno sarà più equilibrata rispetto a quella della stagione scorsa. Sulla carta dovremmo migliorare nel fondamentale della ricezione ma anche avere a disposizione più armi in attacco, per essere meno prevedibili e non costringere sempre Diouf agli straordinari».

GLI OBIETTIVI

Le sconfitte patite in preparazione vanno lette senza isterismi o particolari preoccupazioni, secondo l’alto dirigente bustocco. «Non sono né preoccupato né tranquillo, in questo momento della stagione. Piuttosto sono attento a quello che accadrà da qui in avanti: chiedo ai tifosi di non giudicare la squadra dalle amichevoli, perché le nazionali si sono unite tardi al gruppo di Mencarelli e la preparazione ne ha risentito. Pensiamo solo a Orro: Alessia ha iniziato ad allenarsi subito dopo l’Europeo, non ha perso tempo, ma i meccanismi che riguardano il suo ruolo vanno messi a punto con tante ore di lavoro. Era impensabile che tutto funzionasse da subito. Ne riparliamo tra qualche mese: io mi aspetto che questo gruppo crescerà con il passare del tempo. Questo, sì, lo pretendo. Poi vedremo fin dove potremo arrivare».

LA “CASA”

Barbaro e i suoi collaboratori negli ultimi mesi hanno lavorato anche per migliorare il PalaYamamay, renderlo più funzionale e farlo diventare una risorsa per sostenere anche a livello monetario la Uyba Volley. «Torniamo a quanto dicevo all’inizio per quanto concerne i budget: ci sono club che hanno possibilità economiche molto superiori alle nostre e quindi dobbiamo trovare risorse che vadano oltre a quelle tradizionali. Anche se, da questo punto di vista, l’arrivo di E-Work è molto importante e ci inorgoglisce. Tornando alle risorse “extra” voglio essere chiaro: le attività che facciamo in viale Gabardi, come i concerti, non sottraggono né soldi né persone alla parte sportiva che rimane la priorità della nostra società. Si tratta di eventi che portano nelle casse soldi da reinvestire nella pallavolo e mi spiace che su queste iniziative arrivino critiche da parte dei tifosi. Il PalaYamamay è sempre più centrale: con la creazione di CasaUyba metteremo a disposizione di tutti anche un luogo da utilizzare per convegni, riunioni e altro. La partnership con E-Work porterà un nuovo bar (“E-Work Caffè”) nell’area parterre e il potenziamento degli altri. Il palasport sarà usato spesso anche nell’arco della settimana, lontano dalle gare, e tutto questo è per noi un passo fondamentale».

UNET E-WORK BUSTO A. 2017-18

Allenatore: Marco MENCARELLI – Vice: Marco MUSSO
Squadra: 1 Vittoria PIANI (Ita – s), 2 Federica STUFI (Ita – c), 5 Ilaria SPIRITO (Ita – l), 6 Alessia GENNARI (Ita – s), Stefania DALL’IGNA (Ita – p), 7 Alessia ORRO (Ita – p), 9 Sarah WHILITE (Usa – s), 13 Valentina DIOUF (Ita – s), 14 Michelle BARTSCH (Usa – s), 15 Beatrice BERTI (Ita – c), 16 Beatrice NEGRETTI (Ita – s), 17 Silvana CHAUSHEVA (Bul – s), 18 Alexandra BOTEZAT (Ita – c).
Note. s = schiacciatrice; c = centrale; p = palleggiatrice; l = libero

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.