Tornare a casa da soli alle medie? Non sempre si può

Per molti bambini quello della scuola media è anche il periodo della propria vita nel quale cominciano a sperimentare un po’ di autonomia. Come funziona nei vostri istituti?

scuola

Il tema è di quelli che fanno discutere, da sempre, ma scoppia come un bubbone ogni volta che viene messo nero su bianco ed esce dalla cerchia del dibattito interno tra scuole e genitori.

RACCONTACI COME VIENE REGOLATA L’USCITA NELLA TUA SCUOLA

Si tratta della regolamentazione dell’uscita da scuola degli alunni delle scuole primarie e delle secondarie di primo grado. Possono uscire da soli? Devono essere per forza “ritirati” dai genitori? Da un parente? Da un conoscente?

Per molti bambini quello della scuola media è anche il periodo della propria vita nel quale cominciano a sperimentare un po’ di autonomia, soprattutto nelle scuole di paese. Il ritorno a casa dopo la scuola è proprio uno di quei momenti nei quali si vive un po’ di libertà in un percorso comunque controllato.

Dal punto di vista della burocrazia, però, le cose sono molto più complicate di quanto non sia per molte famiglie. Ci sono la responsabilità degli operatori dell’istituto sui minorenni che gli sono affidati, i rischi concreti che comunque vanno presi in considerazione e anche alcuni precedenti finiti di fronte al giudice.

Di norma questa materia viene regolata dal Dirigente scolastico di concerto con genitori, insegnanti e polizia locale per delineare una procedura. Nei casi più rigidi la formula che si trova è che gli alunni minorenni vanno prelevati direttamente dai genitori o da soggetti maggiorenni delegati anche di volta in volta dall’esercente la patria potestà.

Questo provoca un fastidioso via vai di deleghe che non sempre rende la vita facile alle famiglie. E ci sono i casi in cui la norma diventa più rigida, come quello citato da un articolo del Corriere della Sera, in cui diventa completamente “vietato tornare a casa da soli a meno che la prof non veda i volti conosciuti di genitori, nonni, baby sitter e non certifichi, documenti d’identità alla mano, che sono gli unici autorizzati a prendere in consegna gli studenti”.

La materia, in effetti è molto complessa: privare i bambini anche di quello spazio di autonomia ingessando l’uscita da scuola di regole, certificati e responsabilità, oppure permettere che si torni a casa da soli?

Nelle vostre scuole come funziona?

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.