Ats ha prorogato il commissariamento del Molina

Lo conferma Carmine Pallino, che resta in carica fino a maggio, salvo una decisione contraria del sindaco

Molina commissario Pallino

Ats Insubria, l’autorità sanitaria delle province di Varese e Como ha prorogato di altri sei mesi l’incarico al commissario straordinario della Fondazione Molina Carmine Pallino. “Il provvedimento è valido fino al prossimo maggio – conferma il commercialista Pallino – e terminerà dopo sei mesi oppure in caso di nomina di un nuovo cda da parte del sindaco di Varese. Lo prescrive la delibera”.

Il risultato è che il commissario rimane in carica ma vi sono almeno due incognite. La prima riguarda il ricorso al tar del presidente rimosso dalla Ats Insubria, Cristian Campiotti, che ha chiesto il reintegro: la causa è stata già trattata e si attende solo la decisione del giudice. La seconda incognita viene invece introdotta dalla delibera della Ats, che sembra aprire alla possibilità che il sindaco, nonostante i termini scadano nel 2020, possa revocare il cda nominato nel 2015 dall’allora sindaco Attilio Fontana e insediarne uno nuovo. Dunque in questo modo riportando il Molina sotto il controllo di un presidente nominato da Palazzo Estense. Su questo punto non tutte le interpretazioni giuridiche sono univoche.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 24 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.