Basta l’idea, i soldi si trovano: corso sulle fondazioni erogatrici

Ogni anno vengono erogati 60 miliardi da parte delle 147.000 fondazioni. La Supsi propone un percorso per capire come e quando muoversi

bortoluzzi dubach elisa fondazioni erogative

Ci sono 433 miliardi in Europa a disposizione delle Fondazioni. Ogni anno vengono investiti 60 miliardi per iniziative diverse. Il problema è: come intercettare quei fondi?

È la risposta che l’Università Supsi di Lugano darà nel corso “Finanziare con successo un progetto: collaborare con le fondazioni erogatrici svizzere, europee e americane” che vedrà relatrice Elisa Bortoluzzi Dubach, profonda conoscitrice del mondo del mecenatismo e delle fondazioni: « Oggi l’Europa conta più di 147.000 fondazioni di pubblica utilità che erogano annualmente circa 60 miliardi di euro – spiega Elisa Bortoluzzi Dubach – Nel 2017 il Rapporto Svizzero sulle fondazioni ha registrato 13’172 fondazioni; nello stesso anno 349 ne sono state istituite ex novo e 168 sono state liquidate. Ogni anno le fondazioni erogative distribuiscono contributi pari ad un valore compreso fra i 1,5 e i 2 miliardi di CHF. Secondo i risultati del Censimento delle Istituzioni non profit condotto dall’Istat nel 2012 le fondazioni attive in Italia alla data di riferimento della rilevazione (31 dicembre 2011) sono 6.620. La maggior parte delle fondazioni si concentra nel Nord-ovest e nel Centro Italia, con quote rispettivamente pari al 41,6 per cento e al 21,5 per cento».

Non è dunque problema di soldi: come mai, allora, non fioriscono iniziative? « Occorrono le idee – spiega la relatrice del corso – se un ente pubblico riuscisse a  progettare un’idea e a bussare alle porte giuste, otterrebbe sicuramente quanto cerca».

Il corso si propone di offrire una visione ricca e aggiornata dell’attività delle fondazioni nazionali e internazionali. I partecipanti apprenderanno passo dopo passo cosa sono le fondazioni erogative, come lavorano, l’importanza di costruire una relazione con questi soggetti e l’arte di scrivere progetti in grado di ottenere un contributo.

Un focus sarà dedicato al mercato delle fondazioni americane, un mercato poco conosciuto, che però muove circa 1 miliardo di euro di erogazioni per enti non profit che hanno sede in Svizzera (dato riferito a due annualità 2015-2016/ Foundation Center di New York).

L’intento del corso è quello di favorire la conoscenza dei metodi e degli strumenti necessari al miglioramento delle competenze di management filantropico nell’ambito del sociale con uno sguardo anche ai nuovi mercati del fundraising.

La metodologia didattica prevede un percorso formativo in cui a lezioni frontali e testimonianze si alterneranno workshop ed esercitazioni pratiche al fine di permettere ai partecipanti di assimilare strumenti e i contenuti appresi a lezione.

Gli obiettivi saranno

Acquisire conoscenze pratiche e teoriche relative ai temi delle fondazioni erogative nazionali e internazionali.

Apprendere e applicare i principali strumenti per elaborare richieste di finanziamento efficaci orientate in base alle reali esigenze dell’interlocutore.

Gestire ogni fase dell’acquisizione di risorse finanziarie dalla stesura della proposta di collaborazione alle trattative.

Acquisire la capacità di implementare principi, tecniche e strategie apprese a lezione nella prassi dell’operatività della propria istituzione.

Comprendere come funziona il mondo delle fondazioni americane e come accedere al mercato dei grant.

Il corso, che si svolgerà nella sede della Supsi, Dipartimento di economia aziendale a Manno in Canton Ticino,  si svolgerà i prossimi 4 e 5 dicembre secondo i seguenti orari: 09.00-12.15; 13.30-16.45

Oltre a Elisa Bortoluzzi Dubach, consulente di Relazioni Pubbliche, Sponsorizzazioni e Fondazioni, il corso vedrà come corelatrice Martina Bacigalupi, fundraiser specializzata in project management e grant seeking

Al termine del corso, si avranno le idee chiare su “chi fa cosa” per orientarsi nella marea di informazioni e opportunità che il mondo delle fondazioni erogatrici offre.

Per info: www.supsi.ch/deass

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.