Il consulente deve essere più attento alla redditività e meno al fatturato

Gremita la platea di professionisti che hanno ascoltato alle Ville Ponti l'intervento dell'avvocato Gian Paolo Valcavi durante l’assemblea dell’Ordine dei Consulenti del lavoro di Varese

consulenti del lavoro

«Focalizzare l’attenzione sulla redditività piuttosto che sul fatturato aiuta anche i professionisti ad avere una gestione dell’attività più efficace e più serena». Partiva da considerazioni come questa la lectio magistralis tenuta alle Ville Ponti da Gian Paolo Valcavi, avvocato e docente universitario, accompagnato dal personaggio di Alice, il fumetto nato dalla mano di SuperVera (al secolo Valeria Vitale, vignettista), e che da qualche anno lo affianca nei suoi interventi.

Gremita la platea di professionisti che hanno ascoltato il suo intervento partecipando all’assemblea dell’Ordine dei Consulenti del lavoro di Varese. L’ente promuove la cultura del lavoro e la figura del consulente, come esperto del mercato del lavoro e dei suoi aspetti normativi in tema di retribuzione, contributi, aspetti fiscali, assicurativi, previdenziali e di sicurezza. «Ma siamo anche attenti all’aggiornamento continuo dei nostri iscritti e per questo abbiamo cura di arricchire le nostre assemblee con momenti formativi di alto livello come quelli realizzati con la collaborazione dell’avocato Valcavi», spiega Vera Stigliano, presidente dell’Ordine dei Consulenti del lavoro di Varese. Interventi molto apprezzati per utilità e stile comunicativo, come quello della primavera scorsa con strisce che illustravano come recuperare crediti senza ricorrere all’aiuto di un legale.

Ieri Valcavi ha invece proposto alla platea di Ville Ponti alcuni suggerimenti per rendere più efficace la gestione dell’attività dei consulenti, e di qualunque professionista, mutuando alcune strategie industriali, come quella di focalizzarsi sulla redditività delle singole attività, valutando con attenzione tutti i costi e gli aiuti offerti dalla tecnologia. Altra proposta di Valcavi uno speciale “Kit di benvenuto” con cui accogliere ogni nuovo dipendente. Il Kit comprende una serie di “moduli” che hanno lo scopo di facilitare lo scambio delle doverose comunicazioni e consegne, per garantire al datore di lavoro di procedere in maniera rapida ed efficace all’inserimento della nuova risorsa – in questo caso Alice – compreso l’uso appropriato dei beni aziendali.

Come sempre l’assemblea, è stata anche l’occasione per accogliere i neo iscritti e celebrare i colleghi che hanno raggiunto importanti traguardi di carriera: i 25 o i 40 anni di professione e, nel caso di Lorenzo Regalia, i 50 anni di carriera da consulente del lavoro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.