JRC, incontro con le autorità italiane per discutere le tematiche ambientali

Il tavolo di confronto si è svolto ieri, venerdì 10 novembre a Ispra

incontro jrc ispra autorità italiane

Venerdì 10 novembre il Joint Research Centre (JRC) di Ispra ha presentato alle autorità italiane le ricerche sviluppate in supporto alle politiche ambientali europee e il proprio ruolo di promotore dello sviluppo sostenibile durante il IV Tavolo di Confronto EMAS (European Commission’s environmental management and audit scheme).

Rien Stroosnijder, Capo del Dipartimento Sicurezza & Gestione del Sito di Ispra con delega anche per l’Ambiente, ha avuto il piacere di accogliere nel sito JRC di Ispra le numerose autorità nazionali, regionali, provinciali e locali. Il Prefetto di Varese Giorgio Zanzi ha aperto i lavori del quarto Tavolo di Confronto.

L’impegno di JRC Ispra nella protezione dell’ambiente è stato rafforzato nel 2009, prima con l’adozione dello standard di gestione ambientale ISO 14001 e poi con la registrazione EMAS, lo standard ambientale più elevato.

Nel 2013 JRC Ispra, in accordo con il Comitato EMAS Italia, ha scelto d’istituire un Tavolo di Confronto EMAS con le autorità italiane come strumento per dialogare apertamente.

Grazie agli ottimi risultati ambientali ottenuti dal JRC Ispra negli ultimi tre anni, accertati da un organismo di certificazione internazionale, il Comitato EMAS ha recentemente formalizzato l’estensione della registrazione EMAS della Commissione Europea anche al sito del JRC di Ispra. Tra le motivazioni citate figura l’impegno del management e l’importanza rivestita dal Tavolo di Confronto svolto con cadenza annuale.

La giornata ha avuto inizio con la firma ufficiale della Convenzione stipulata tra il Direttore Generale di ARPA Lombardia, Dott. Michele Camisasca, e il Capo del Dipartimento Sicurezza & Gestione del Sito di Ispra, Dott. Ing. R. Stroosnijder, finalizzata ad instaurare un rapporto di collaborazione, laddove ARPA Lombardia si rende disponibile a fornire, su richiesta del JRC Ispra, pareri tecnici in materia ambientale.

Nel corso del quarto Tavolo di Confronto EMAS, il JRC Ispra ha quindi condiviso in maniera trasparente il proprio operato ed i futuri progetti in corso di sviluppo, dimostrando il proprio impegno nel migliorare continuamente la propria performance ambientale e i risultati ottenuti. Il JRC Ispra ha fissato obiettivi sempre più ambiziosi e investito sempre più risorse in piani e progetti ad alta valenza ambientale beneficiando del know how innovativo e tecnologico del proprio personale che costituisce l’eccellenza dei ricercatori scientifici.

Particolare importanza hanno rivestito gli interventi del Dott. Magrini, Vicepresidente della Provincia di Varese, sui progetti di mobilità dolce del territorio e del Professor Pileri del Politecnico di Milano. Quest’ultimo in particolare ha presentato lo studio sulla fattibilità di “Bicycle to Work”, un progetto promosso e coordinato dal JRC Ispra per la realizzazione di una nuova pista ciclabile strategica nel territorio che collegherebbe il Lago di Varese al Lago Maggiore. Il progetto, sostenuto e promosso anche dalla Provincia di Varese, conferma la vocazione del JRC Ispra ad essere un buon esempio a 360° e il suo ruolo guida nelle iniziative di sviluppo sostenibile nel territorio.

Il JRC Ispra è orgoglioso di avere ospitato un incontro di alto livello al quale hanno partecipato, tra gli altri, il Questore di Varese, Dott. Giovanni Pepè, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Varese, Claudio Cappello, il Presidente del Tribunale di Varese, Dott. Vito Piglionica e il Procuratore Capo di Varese, Dott.ssa Daniela Borgonovo.

La giornata si è conclusa con un dibattito aperto sulle tematiche affrontate e sulla definizione dei passi successivi da intraprendere, rimandando il consueto appuntamento al prossimo anno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.