“L’economia della Lombardia”, il rapporto della Banca d’Italia all’Insubria

Il rapporto “L’economia della Lombardia – aggiornamento congiunturale” sarà presentato giovedì 23 novembre nell’Aula magna di via Ravasi

università facciata collegio sant'ambrogio

 

Giovedì 23 novembre, alle ore 16 la Banca d’Italia presenta,  all’Università degli Studi dell’Insubria, nell’Aula magna di via Ravasi 2 a Varese, il rapporto “L’economia della Lombardia – aggiornamento congiunturale”. Durante l’incontro verranno illustrati i nuovi dati congiunturali del sistema economico e produttivo lombardo e per analizzare i dati locali della Provincia di Varese.

Dopo l’apertura dei lavori a cura del professor Giuseppe Colangelo, docente di economia politica e prorettore vicario dell’Università degli Studi dell’Insubria, la prima parte del convegno, ore 16.30, è dedicata alla presentazione del rapporto: “L’Economia della Lombardia”, con Giuseppe Sopranzetti, direttore della Sede di Milano della Banca d’Italia; Francesco Bripi, Banca d’Italia – sede di Milano divisione analisi e ricerca economica territoriale; Tiziano Ropele, Banca d’Italia – sede di Milano divisione analisi e ricerca economica territoriale.

La seconda parte dei lavori, dalle ore 17.30, è incentrata sull’analisi delle “Tendenze del sistema produttivo e finanziario in Lombardia e nella Provincia di Varese”. Intervengono: Giuseppe Colangelo, professore di economia politica e prorettore vicario dell’Università degli Studi dell’Insubria; Mauro Colombo, direttore generale, Confartigianato imprese Varese; Giuseppe Albertini, presidente Camera di Commercio di Varese; Paola Margnini, responsabile Uuficio studi Unione degli industriali della provincia di Varese; Giovanni Solaroli, regional manager Lombardia di Unicredit.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.