Luci di Leggiuno, il Sindaco: “Abbiamo fatto quanto richiesto, aperti al dialogo”

L'amministrazione spiega la sua posizione rispetto all'organizzazione della manifestazione delle luci in paese. "Abbiamo seguito il regolamento "

Casa di Natale a Leggiuno - 2016

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento dell’amministrazione comunale di Leggiuno relativa ai fatti delle manifestazione delle Lucine in paese. Il comunicato del Sindaco Giovanni Parmigiani:

La Delibera di Giunta pubblicata in questi giorni è un atto di indirizzo scaturito dopo numerosi ed approfonditi avuti con tutti gli enti coinvolti (Polizia Locale, Provincia di Varese, Prefettura, Questura e Responsabile S.u.a.p.) finalizzato a garantire lo svolgimento dell’evento in ottemperenza con le relative normative emanate in materia di sicurezza e viabilità. Tutto questo molto prima di avere ricevuto ufficiale richiesta di organizzare dell’Evento (15 settembre 2017).

Tale fase si è rilevata molto complessa a causa dell’inasprimento delle normative introdotte in seguito ai recenti disordini che si sono verificati negli ultimi mesi e della consapevolezza delle problematiche riscontrate nell’edizione delle “lucine” del 2014. Questo ha comportato un grande impegno da parte di tutti i soggetti coinvolti.

Nonostante tutto la posizione del Sindaco è sempre stata ed è tuttora di apertura al dialogo. In particolare si precisa:

  • Il numero massimo di persone consentito presente contemporaneamente all’interno delle due aree chiuse è di 150 persone per ciascuna zona (150 all’interno dell’oratorio e 150 all’interno del Bosco Incantato), come per altro richiesto dagli organizzatori nella domanda allegata al Suap;
  • Gli orari di accensione sono stati determinati in funzione degli effetti che gli stessi potrebbero avere sull’affluenza delle persone, potenziale causa di disagi per trasporti pubblici, farmacia, esercenti ecc..
  • Tuttavia c’è l’assoluta disponibilità di rivedere gli orari insieme agli organizzatori;
  • Il comune ed anche i comuni limitrofi sono disponibili nel mettere a disposizione degli organizzatori tutta la segnaletica in loro possesso.
  • L’evento, data la sua importanza e come comunicato precedentemente dagli organizzatori, è stato inserito, con delibera di Giunta, nel piano comunale di Protezione Civile, classificandolo come evento ad impatto rilevante. Questo permetterà all’Amministrazione di poter richiedere l’impiego del volontariato della Protezione Civile;
  • E’ stato studiato il sistema di viabilità senza chiudere la via Gioberti, ma creando un senso unico, in accordo con la Provincia (in quanto strada provinciale). Tutto verrà specificato nei dettagli.

Speriamo che questo chiarimento, anche per rispetto di tutti i volontari che da gennaio lavorano assiduamente a questa iniziativa, possa riportare serenità e sintonia tra tutti i soggetti coinvolti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mike

    “…..Il comunicato del Sindaco Giovanni Parmigiani:
    La Delibera di Giunta pubblicata in questi giorni è un atto di indirizzo scaturito dopo numerosi ed approfonditi avuti con tutti gli enti coinvolti (Polizia Locale, Provincia di Varese, Prefettura, Questura e Responsabile S.u.a.p.) finalizzato a garantire lo svolgimento dell’evento in ottemperenza con le relative normative emanate in materia di sicurezza e viabilità….”

    E dopo tutto questo deliberare basta la presenza di un politico qualunque per ribaltare il tutto?? Fantastico!!!