Omicidio di Nadia Arcudi, il cognato rinviato a giudizio

All'uomo, cognato della vittima, vengono ipotizzati i reati di assassinio e di turbamento della pace dei defunti. L'omicidio risale al 2016

nadia arcudi

Rinvio a giudizio per l’uomo accusato di aver ucciso Nadia Arcudi, la sera del 14 ottobre del 2016 a Stabio. All’uomo, cognato della vittima, vengono ipotizzati i reati di assassinio e di turbamento della pace dei defunti.

L’uomo dovrà inoltre rispondere dell’accusa di ripetuta appropriazione indebita e di falsità in documenti per aver sottratto alle casse della Supsi, Istituto presso il quale lavorava, una cifra di almeno 260 mila franchi. Infine dovrà rispondere anche dell’accusa di truffa, in relazione a una raccolta fondi di 5 mila franchi.

A firmare il rinvio a giudizio la Procuratrice Pamela Pedretti, dinnanzi alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.