Open day delle scuole superiori, Farioli:”Prima scelta di libertà”

Presentata l'iniziativa annuale che si svolge al Museo del Tessile con la presenza di tutti gli istituti superiori della città per aiutare i ragazzi a scegliere il percorso di studio

open day scuole busto

L’assessore all’Istruzione  ha presentato questa mattina, venerdì, l’open day delle scuole superiori, che si terrà al Museo del Tessile sabato 18 novembre. L’evento mira ad aiutare i più giovani e le loro famiglie, ad orientarsi verso la scelta il più possibile consapevole per il proprio futuro.

L’assessore Gigi Farioli introducendo il dibattito precisa come si tratti «di una scelta in continuità con le passate amministrazioni, ringrazio dunque il sindaco Antonelli che ha voluto proseguire su questa strada rendendo ormai il salone dell’orientamento una solida tradizione della nostra città».

L’assessore precisa poi come “la scelta delle superiori è il primo vero momento di libertà ma anche di responsabilità per i ragazzi e per i loro genitori: le famiglie devono essere messe nelle condizioni migliori per poter scegliere con consapevolezza in base alle esigenze e agli interessi del ragazzo tenendo anche in considerazione le esigenze di una società in continuo e rapido cambiamento”.

La città di Busto Arsizio vanta sul suo territorio diversi istituti scolastici la cui «storia e qualità degli insegnanti- continua Farioli – ha fatto sì che venissero confermate come eccellenze assolute in campo non solo regionale ma anche nazionale» (è recentissima infatti la pubblicazione della classifica Eduscopio che premia proprio gli istituti bustesi, ndr.).

«Con quest’anno – sostiene l’assessore – inizia un percorso ambizioso che vuole tenere conto delle difficoltà che i ragazzi e le famiglie incontrano durante l’orientamento, e di sostegno alla libera scelta: le eccellenza del nostro territorio sono certe, e da queste dobbiamo partire pre creare un percorso che continui negli anni successivi e permetta una sempre maggiore chiarezza dei vari percorsi scolastici e delle loro implicazioni tra cui per esempio l’alternanza scuola-lavoro».

All’incontro erano presenti anche i presidi dei maggiori istituti superiori della città di Busto , e proprio Patrizia Iotti, coordinatrice di tutte le scuole della città nonché preside del liceo scientifico Tosi ha voluto ringraziare «l’amministrazione comunale perché è molto presente sia con le parole che soprattutto con i fatti nel sostegno alle scuole».

Sugli ottimi risultati ottenuti dagli istituti bustesi: «il segreto di questo successo è sicuramente la condivisione e il conseguimento di obiettivi comuni con rispetto dei reciproci ruoli, il risultato delle scuole di Busto Arsizio è l’esito dell’impegno di tutti i collaboratori scolastici e del preziosi supporto dato dall’amministrazione comunale».

La preside Cristina Boracchi del liceo Daniele Crespi ha concentrato il suo intervento sul nuovo logo del manifesto spiegando che «rispetta i criteri di divisione della nuova amministrazione scolastica, noi facciamo parte infatti dell’ambito territoriale n° 35 di Varese, che comprende tutte le scuole a sud della provincia, ed è proprio il liceo Crespi a dirigere questa sorta di distretto».

La dirigente dell’istituto di via Carducci prosegue poi spiegando come «questo evento permette una visione d’insieme delle scuole del nostro territorio, che sono considerate eccellenze, al di là delle classifiche, perché producono un valore aggiunto, tutti lavoriamo nella stessa direzione condividendo gli stessi obiettivi».

Conclude la preside del Crespi: «il nostro modo di competere, è quello di offrire un servizio alle famiglie e agli studenti, il salone del 18 novembre non è una sorta di open day collettivo di tutte le scuole, ma un concreto e valido aiuto alla scelta più consapevole, per aiutare i ragazzi che oggi appaiono sempre più disorientati».

All’open day saranno presenti tutti le scuole della città di Busto Arsizio e del suo comprensorio.

QUI TUTTE LE DATE DEGLI OPEN DAY IN PROVINCIA

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 10 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.