Ubriaco picchia due donne, una è in gravi condizioni

L'aggressore è un 26enne con precedenti per furto e rissa. Ha scelto le vittime a caso, le ha prese a pugni e ha scaraventato la più anziana per terra facendole battere il capo

volante Polizia auto generica Busto commissariato

Vagabondava ubriaco per le vie della città quando ha incontrato due donne anziane, una di 67 e una di 83, e le ha picchiate. Ora quella di 83 è in coma e lotta tra la vita e la morte in ospedale a Busto Arsizio.

L’incredibile vicenda è avvenuta nel tardo pomeriggio di oggi in via Quintino Sella, a pochi passi da piazza Manzoni. L’autore dell’aggressione è un 26enne rumeno, Pardalian Caldarar, senza fissa dimora con alcuni precedenti per furto e rissa. Il giovane ha incrociato le due donne che passeggiavano e ha colpito prima la 67enne allo sterno con un pugno e subito dopo la più anziana con un altro pugno sul costato. Non contento l’ha spinta a terra, facendole battere la testa.

Inizialmente le condizioni dell’anziana non erano apparse gravi ma, una volta soccorsa e trasportata in ospedale, le sue condizioni sono precipitate ed è entrata in coma. In tarda serata i medici hanno tentato di operarla per ridurre l’emorragia cerebrale.

Il 26enne è stato fermato dagli agenti del Commissariato di Busto Arsizio a poca distanza dal luogo dell’aggressione e non ha opposto resistenza. Portato in commissariato per essere interrogato ha ammesso di aver bevuto vodka ma poco dopo si è addormentato ed è caduto in un sonno profondo.

Dietro questo gesto sconsiderato non ci sarebbe neanche l’intenzione di rapinare le due donne. Il sostituto procuratore di turno Maria Cristina Ria ha disposto l’arresto con l’accusa di tentato omicidio. Di lui si sa che era sprovvisto di documenti e che alcuni testimoni avrebbero raccontato di averlo visto vagare per la città infastidendo i passanti.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 16 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lollo82

    E ora manteniamolo in carcere!!!
    E’ rumeno, ha un suo paese…..allora riportiamolo la, lo si lascia all’aereoporto e poi della sua vita fa quel che vuole.
    Ma non nel nostro paese, che continua ad ospitare persone che non meritano.