Un murales e una poesia per abbellire la scuola Sereni

Lo hanno realizzato gli studenti della scuola media Vittorio Sereni di Germignaga sotto la regia artistica della professoressa Eleonora Gritti

Un murales e una poesia per abbellire la scuola Sereni

Un murales per rendere più bella la scuola. Lo hanno realizzato gli studenti della scuola media Vittorio Sereni di Germignaga sotto la regia artistica della professoressa Eleonora Gritti.

Galleria fotografica

Un murales e una poesia per abbellire la scuola Sereni 4 di 14

Il Comune guidato dal sindaco Marco Fazio ha messo a disposizione materiali e spazi e i giovani pittori si sono messi all’opera con pennelli e vernice.

«Abbiamo scelto tra varie immagini di panorami delle nostre zone – spiega la professoressa di arte e immagine -. L’ispirazione è arrivata dalla poesia di Sereni “Terrazza”, dipinta sulla facciata interna del muro, mentre all’esterno su una superficie di 7 metri i 140 ragazzi della scuola hanno dipinto l’immagine della valle con il lago e la montagna».

La poesia “Terrazza”, 1941

Improvvisa ci coglie la sera.
Più non sai
dove il lago finisca;
un murmure soltanto
sfiora la nostra vita
sotto una pensile terrazza.
Siamo tutti sospesi
a un tacito evento questa sera
entro quel raggio di torpediniera
che ci scruta poi gira se ne va.

La professoressa Gritti da circa 7 anni porta in ogni scuola (QUI il lavoro a Casciago) i suoi progetti: «La prima volta è stata nel 2010, alla scuola Stein di Gavirate: un papà in pensione, ex imbianchino, si è offerto di ridipingere le classi e abbiamo coinvolto gli alunni, con risultati inaspettati di condivisione, collaborazione e impegno – spiega la prof -. Con questo lavoro a Germignaga abbiamo voluto omaggiare un poeta nato in queste terre: in tantissimi hanno mandato proposte di panorami, i loro luoghi del cuore, con il lago sempre protagonista. Ne è nato un lavoro molto bello, partecipato. Abbiamo coinvolto i ragazzi disabili della scuola, perchè l’inclusione è uno degli obiettivi fondanti di questo tipo di progetti. Anche chi aveva dei dubbi  ha messo il suo impegno, anche chi pensava di non potercela fare alla fine ha fatto un lavoro egregio: è sempre così, se si dà loro fiducia, i ragazzi rispondono nel migliore dei modi. Devo ringraziare la preside della scuola Amedea Brignoli che mi ha dato carta bianca e si è subito appassionata all’idea, le mie colleghe, che hanno collaborato tenendo le classi mentre alcuni alunni lavoravano al murales, fuori dall’orario di lavoro e la direttrice del museo Sereni di Luino Barbara Colli, per il suo preziosissimo aiuto nella scelta della poesia».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 novembre 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Un murales e una poesia per abbellire la scuola Sereni 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.