Uscita da scuola: Marsico chiede un modello unico per le autorizzazioni

Il consigliere regionale ha chiesto un impegno a presidente e giunta lombardi per avviare un confronto con i ministri competenti e trovare una soluzione che non penalizzi genitori o docenti

Forza Italia Marsico Leonardi

Il consigliere regionale di Forza Italia Luca Marsico chiede un impegno a presidente e giunta regionali lombardi sul tema dell’uscita da scuola dei minorenni: «Solo attraverso la predisposizione di un modello unico nazionale di autorizzazione dall’uscita da scuola dei minori che esenti dalla responsabilità civile e penale tutto il personale scolastico si potrà davvero far sì che gli studenti possano proseguire quel percorso di crescita civica che molti di loro hanno già intrapreso. Proprio per questo se l’obbligo, per i genitori o un accompagnatore certificato, di prelevare da scuola i ragazzi sino alla licenza media fosse confermato i primi penalizzati sarebbero proprio gli studenti.

Comprendendo la posizione del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca che si è, in prima istanza, uniformato alla sentenza della Corte di Cassazione che rispetto – sottolinea Luca Marsico – l’obiettivo della mozione che ho depositato è quello di chiedere un impegno della Giunta di Regione Lombardia per attivare un dialogo con il governo e con i Ministeri interessati per uniformare le regole e consentire di poter far crescere cittadini maggiormente consapevoli e attenti con coscienza e responsabilità.

Ringrazio il dottor Claudio Lesica, Presidente dell’Associazione Scuole Varesine (ASVA) – conclude Marsico – che mi ha sottoposto il tema per cui mi sono attivato nell’immediato con il testo del provvedimento che sarà all’esame dell’aula consiliare già martedì prossimo  14 novembre.»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.