Bassa adesione allo sciopero da parte dei medici ospedalieri

Nelle due aziende pochissimi i disagi: attività regolare negli ambulatori e solo qualche operazione rinviata per l'adesione degli anestesisti

sciopero medici

È stata bassa l’adesione allo sciopero da parte dei medici ospedalieri che era stato programmato da tutte le sigle sindacali per oggi.

Nell’asst Sette Laghi l’attività è stata regolare nel 95% degli ambulatori e anche tra gli anestesisti, storicamente la sigla più pronta a raccogliere l’invito sindacale, non si sono registrate assenze. Si parla di qualche intervento saltato e riprogrammato.

Situazione analoga nell’Asst Valle Olona: all’ospedale di Busto non si è registrato alcun problema mentre l’adesione allo sciopero di qualche anestesista ha fatto riprogrammare un paio di operazioni in programma.

La protesta di oggi era indirizzata alla politica nazionale e regionale di tagli continui al comparto sanitario con particolare effetti negli ospedali.

Solidale con il disagio della categoria si è detto l’assessore al Welfare Giulio Gallera: « Come Regioni viviamo le stesse frustrazioni e difficolta’ che vivono i medici di non riuscire ad avere le risorse necessarie per sostenere il rinnovo dei contratti e soprattutto per l’assunzione di personale. Quindi oggi siamo solidali con i medici e chiediamo al Governo nazionale di investire maggiormente in Sanità, e valorizzare le Regioni virtuose come la nostra, dando la possibilità di utilizzare in modo più autonomo e flessibile le nostre risorse».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cristina Mascheroni

    Buongiorno mi dispiace contraddirvi.
    L’adesione allo sciopero dei medici anestesisti-rianimatori è stata alta. Circa del 80% con punte del 100% in alcuni ospedali come Luino e Tradate. Anche se contare le sale operatorie saltate è il modo più semplice per contare l’adesione, voglio sottolineare che questo sciopero non è stato fatto contro il cittadino ma per il cittadino, per una sanità migliore. E sono saltate molte sale. Invece se contiamo la partecipazione allo sciopero contando i medici che hanno realmente potuto stare a casa in sciopero allora è vero l’adesione è stata bassa ma perché per mandare avanti l’imponente macchina della ASSTSETTELAGHI sono stati “precettati” tanti medici per garantire i minimi di sciopero e quindi l’emergenza/urgenza. Ma le assicuro che anche alcuni medici precettati, così come ho fatto io, hanno fatto richiesta, non esaudita, di essere sostituiti per poter formalmente aderire.
    Cordiali saluti. Il Rsppresentante aziendale AAROIEMAC.

    1. Alessandra Toni
      Scritto da Alessandra Toni

      I dati ci sono stati forniti in via informale dall’ASST Sette Laghi che a metà pomeriggio non ne aveva di ufficiali. Abbiamo chiesto appositamente il dato degli ambulatori dove si effettuano prestazioni differibili. Delle sale chirurgiche ci è stato riferito il caso della DS di Varese. Prendiamo atto delle sue statistiche

  2. Scritto da Cristina Mascheroni

    Buongiorno mi dispiace contraddirvi.
    L’adesione allo sciopero dei medici anestesisti-rianimatori è stata alta. Circa del 80% con punte del 100% in alcuni ospedali come Luino e Tradate. Anche se contare le sale operatorie saltate è il modo più semplice per contare l’adesione, voglio sottolineare questo sciopero non è stato fatto contro il cittadino ma per il cittadino, per una sanità migliore. E sono saltate molte sale. ( segue)

  3. Scritto da Cristina Mascheroni

    ( segue) Invece se contiamo la partecipazione allo sciopero contando i medici che hanno realmente potuto stare a casa in sciopero allora è vero l’adesione è stata bassa ma perché per mandare avanti l’imponente macchina della ASSTSETTELAGHI sono stati “precettati” tanti medici per garantire i minimi di sciopero e quindi l’emergenza/urgenza. Ma le assicuro che anche alcuni medici precettati, così come ho fatto io, hanno fatto richiesta, non esaudita, di essere sostituiti per poter formalmente aderire.
    Cordiali saluti. Il Rappresentante aziendale AAROIEMAC.