Le bellezze della provincia su Rai3, la firma è di due registi varesini

Ha fatto il 13% di share raccontando le eccellenze del territorio. Il documentario è firmato da Eugenio Manghi e Annalisa Losacco

Varese, Campo dei Fiori e dintorni

Ha due firme tutte varesine il documentario dedicato alle bellezze della provincia e andato in onda venerdì 15 dicembre su Rai Tre, per la trasmissione Geo&Geo. A girare il cortometraggio “Varese, provincia d’autore”, che ha fatto uno share da prima serata, il 13%, sono stati i coniugi Eugenio Manghi e Annalisa Losacco. 

«Un successo che ci aspettavamo – commenta Manghi che raggiungiamo al telefono mentre si trova a Napoli con la sua telecamera -. Abbiamo incontrato personaggi e bellezze eccezionali e il numero di spettatori è cresciuto durante la messa in onda. Siamo arrivati ad essere 2 milioni».

Il regista Manghi e la moglie vivono in provincia di Varese da diversi anni ma per il loro lavoro hanno girato buona parte del mondo, «questo documentario è nato un po’ per caso. Ad un certo punto ci siamo voluti soffermare sulle bellezza della nostra provincia. Quando giri un documentario in un posto nuovo resti stupido di ogni cosa mentre quando vivi in un luogo passi davanti a tante cose che dai per scontate». Propongono quindi il progetto alla Rai, «hanno accettato e abbiamo acceso le telecamere. Abbiamo iniziato a girare tra l’estate e l’autunno del 2016. La cosa bella di girare “in casa” è che puoi scegliere le giornate più belle per farlo».

Il risultato è un girato di quaranta minuti che parte dal centro città per arrivare ai laghi e che tanti telespettatori hanno visto su RaiTre. I più attenti lo avevano già visto in anteprima ai Giardini Estensi di Varese, questa estate, in apertura della rassegna “Esterno Notte”. Manghi infatti, è una presenza costante all’interno delle rassegne cinematografiche varesine organizzate da Filmstudio’90 tanto che in passato ha presentato anche altri documentari, come quello dedicato al Campo dei Fiori ad esempio.

Il prossimo appuntamento è proprio per venerdì sera (ore 18, Sala Filmstudio’90, ingresso libero) dove Eugenio Manghi presenterà un volume dedicato al Sacro Monte, «è un libro di fotografia, la mia prima passione, che permette di vedere il borgo da un punto di vista nuovo. In passato ho pubblicato diversi libri dedicati alla provincia e di buon interesse».

Tornando all’ultimo documentario invece, Manghi racconta il suo lavoro senza nascondere l’orgoglio per la sua città: «Abbiamo cercato un buon compromesso tra le eccellenze del territorio e le storie singolari e interessanti, non per primati economici ma esistenziali». Chi ha visto il documentario infatti, potrà ritrovare tanti volti e luoghi familiari, «non è da tutti avere dei luoghi così». Se ne saranno accorti anche i tanti spettatori di tutta Italia.

Per chi vuole vedere il documentario: la pagina di Ray Replay (verso la fine della trasmissione)

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 20 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.