Evasi dai domiciliari e irregolari, arresti e denunce

I controlli dei carabinieri a Busto e nei Comuni limitrofi, nei giorni a ridosso del Natale

carabinieri castellanza

Un arresto e tante denunce nel territorio intorno a Busto Arsizio, nell’arco dei quattro giorni di punta delle feste natalizie (dal 23 all’alba del 26 dicembre), ad opera dei carabinieri.

Nel tardo pomeriggio della vigilia è stato arrestato un 50enne di Busto, operaio, pregiudicato: identificato durante un controllo alla circolazione stradale (alla rotonda della via per Fagnano), è risultato ancora destinato a una pena detentiva ai domiciliarim dovendo espiare ancora tre mesi per reati contro il patrimonio. Arrestato, è però di fatto finito a casa sua, ai domiciliari, in attesa che il giudice esamini la sua posizione.

Era invece uscito di casa il 35enne di Busto a cui è stato contestato il reato di evasione. Sottoposto al regime degli arresti domiciliari, senza preventiva autorizzazione si è allontanato dalla sua abitazione ed è stato trovato nella serata della vigilia mentre brindava sereneamente all’interno di un bar del centro.

Allo stesso modo – in pieno periodo di feste – si è fatto beccare anche un 50enne di Lonate Pozzolo,  disoccupato, pregiudicato, denunciato per inosservanza al “foglio di via obbligatorio”. È stato sorpreso nel centro storico di Busto mentre nel pomeriggio del 23 dicembre faceva shopping, senza essere stato autorizzato preventivamente: non può infatti mettere piede a Busto per tre anni (provvedimento emesso dalla Questura di Varese nel marzo del 2016).

Nei guai per violazione della legge sugli stranieri anche un 40enne marocchino, irregolare, senza fissa dimora, disoccupato, pregiudicato: si è fatto “pizzicare” nel parcheggio del centro commerciale di Olgiate Olona (dove forse – dicono i carabinieri – stava tentando di rubare alcuni oggetti all’interno delle auto, come risulta dai suoi numerosi precedenti analoghi). È stato denunciato in quanto irregolare sul territorio nazionale.

Infine la cannetta sul sagrato che è costata qualche grana ad un 20enne di Gorla Minore: si stava serenamente preparando uno spinello con alcuni amici nei giardini antistanti una la chiesa dove i fedeli, a mezzanotte, stavano frequentando la messa. Ma qui non parliamo di reati: il 20enne è stato solo segnalato come “assuntore” alla Prefettura.

 

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 26 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore