Finissage di Lucente Spirito

Chiude venerdì 22 dicembre la mostra curata da Ruggero Maggi presso Officina Open

Arte - Mostre

Venerdì 22 dicembre è l’ultimo giorno di apertura della mostra “Lucente Spirito” a cura di Ruggero Maggi presso Officina Open il nuovo progetto culturale ed espositivo condiviso dall’Assessorato alla Cultura, dal Melo e dal Museo MAGA, con sede presso la Galleria di Arti Visive dell’Università del Melo a Gallarate in via Magenta 3. Dalle 16 alle 19 il curatore aspetta il pubblico per un brindisi natalizio.

La mostra è costituita da una selezione di opere dal profondo contenuto spirituale e concettuale come “The Quest” vero e proprio work in progress di due artisti: Carla Bertola e Alberto Vitacchio protagonisti congelati nell’atto fotografico insieme con le pietre megalitiche, divenendo anch’essi elementi immobili e silenziosi del paesaggio e sottolineandone i mutamenti della luce, dell’oscurità e dello scorrere del tempo. Silenti performances che hanno costituito il tema centrale del loro progetto.

Il percorso di “Lucente Spirito” si articola in modo giocoso e fluttuante con le opere verbo-visive titolate “Fiabe al vento” di Marcello Diotallevi che traggono ispirazione direttamente dal vento della poesia e dalla naturale inclinazione dell’artista verso un’ironica interpretazione della realtà e della vita. Elementi leggeri che potrebbero (il condizionale è d’obbligo) a tutti gli effetti fluttuare al vento ma che, per loro stessa natura, rappresentano veicoli poetici, strutture con una propria chiave di lettura cromatica, articolata ed affascinante.

Le evocative immagini fotografiche dal potente impatto emozionale di Anna Maria Di Ciommo che coniugano tecnica e lirico afflato spirituale che si crea nel momento in cui i Lama Tibetani realizzano in modo sapiente splendidi mandala di polvere dalla inevitabile impermanenza. Immagini che vengono sintetizzate in una frase di S.S. il Dalai Lama : “Ero intelligente e volevo cambiare il mondo. Ora sono saggio e sto cambiando me stesso”.

Le opere-oggetto di Roberto Testori che nel loro biancore riflettono soluzioni concettuali ricche di significati spirituali e poetici. Poesia visiva che si alterna ad una sedimentata descrizione di tracce, di piccoli oggetti che ritrovano il loro spazio in una decontestualizzazione intelligente e raffinata, immersi in un risplendente mare bianco. Elementi il cui significato viene garbatamente ma senza indugi rimosso per lasciare il posto ad una nuova e più espressiva chiave dì lettura.

Lucente spirito a cura di Ruggero Maggi
Università del Melo – Galleria di Arti Visive
1 dicembre – 22 dicembre 2017
Orari: da lunedì a domenica 16.00|19.00
Ingresso libero
Università del Melo, Via Magenta 3, Gallarate (VA)
0331 708224
www.melo.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.