Istruzione professionale: si potrà scegliere tra undici percorsi

Accordo Stato Regioni per rilanciare l'istruzione tecnica. Quarantotto milioni di euro verranno investiti per il rilancio

Il Falcone a Tavola Spigolosa

Undici percorsi, con un’identità ben definita e molta attività di laboratorio. Dopo anni di difficoltà, in conferenza Stato Regioni si è approvata un’intesa che porterà al Regolamento attuativo del riordino dell’Istruzione professionale, superando le difficoltà sorte dopo la Riforma Gelmini che, di fatto, aveva creato un tracollo nelle iscrizioni. L’intesa fa anche chiarezza in un ambito frammentato tra competenze statali e regionali. 

Per il rilancio verranno stanziati circa 48 milioni di euro che serviranno a strutturare i laboratori e a potenziare l’organico del personale docente. Le novità dovrebbero partire già dal prossimo anno scolastico.

I percorsi saranno di 5 anni: biennio più triennio. Gli indirizzi passeranno da 6 a 11: agricoltura, sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane; pesca commerciale e produzioni ittiche; industria e artigianato per il Made in Italy; manutenzione e assistenza tecnica; gestione delle acque e risanamento ambientale; servizi commerciali; enogastronomia e ospitalità alberghiera; servizi culturali e dello spettacolo; servizi per la sanità e l’assistenza sociale; arti ausiliarie delle professioni sanitarie: odontotecnico; arti ausiliarie delle professioni sanitarie: ottico.

Ogni scuola potrà declinare questi indirizzi in base alle richieste e alle peculiarità del territorio, coerentemente con le priorità indicate dalle Regioni. Le scuole potranno utilizzare le loro quote di autonomia, in relazione all’orario complessivo, per rafforzare i laboratori e qualificare la loro offerta in modo flessibile. Nel biennio vengono inseriti gli assi culturali, ovvero aggregazioni di insegnamenti omogenei che forniscono competenze chiave di cittadinanza alle giovani e ai giovani. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore