La cura, il coraggio e il dubbio

Si chiude un anno speciale per Varesenews. Abbiamo compiuto vent'anni e viaggiamo con oltre 140mila visite al giorno. La grande responsabilità di portare la nostra terra nel mondo e tenere unite le comunità

La redazione di VareseNews

Nel 2017 abbiamo superato 50 milioni di visite mancando di poco i 51. Sono circa 140mila al giorno. Le pagine viste hanno invece raggiunto i 135 milioni.

Questi i dati classici del giornale a cui vanno affiancati quelli dei social. Solo su Facebook, grazie alle oltre 203mila persone che ci seguono, raggiungiamo oltre tre milioni di cittadini al mese e mediamente circa un milione di utenti unici interagisce con Varesenews superando così i nove milioni di attività.

Numeri che fanno della nostra testata la leader in Italia per i quotidiani locali nativi digitali, ovvero per quelle realtà che non hanno altri prodotti editoriali oltre a Internet.

Sono risultati importanti frutto di un lungo lavoro dentro le comunità del Varesotto. Questo è  il miglior ingrediente per fare una buona pietanza in materia di informazione.

Sul nostro account di Instagram, dove ci seguono oltre 23mila persone, abbiamo scritto: “Facciamo conoscere Varese nel mondo. Raccontiamo e soprattutto ascoltiamo le nostre comunità”.

Il sale del nostro lavoro è qui. In un’epoca di trasformazione, di cambiamenti, di grandi opportunità, ma anche di enormi preoccupazioni, cerchiamo di raccontare i fatti con la cura di pensare alle persone. Oggi basterebbe questo per esser rivoluzionari, per pensare a una società più attenta a tutti i cittadini e non solo a una parte. Costruire relazioni e ponti e non muri è il nostro proposito principale.

Siamo convinti che l’informazione oggi richieda cura e coraggio, perché con la paura non si va da nessuna parte. Siamo convinti che è il dubbio, più che le certezze l’atteggiamento che ci porta ad ascoltare e a poter formulare le domande giuste per capire dove stiamo vivendo. Siamo convinti che i nostri numeri siano importanti, ma che diventino vero lievito solo quando valorizzano un territorio ricco e virtuoso come il nostro. Ricco non solo per ragioni economiche, virtuoso perché sa muoversi con maestria e offrire tante opportunità.

Il nostro orgoglio di essere in questa posizione ci è data dalle tantissime persone che hanno fiducia  nel nostro lavoro a partire da chi con uno smartphone in mano, o su una tastiera, cerca i link per entrare nel giornale. Ogni giorno sono migliaia le interazioni che vengono sviluppate e ben oltre i confini territoriali. Viviamo un’epoca Glocal che tiene insieme globale e locale e per questo è importante che Varesenews arrivi davvero in ogni parte del pianeta portando le informazioni a decine di migliaia di persone della provincia che attualmente vivono all’estero, e che possono conoscere cosa succede dalle nostre parti grazie al giornale.

Altrettanto importanti sono le aziende che credono nel nostro progetto perché Varesenews porta risultati. Non solo per le opportunità di business che sviluppa grazie alla visibilità e rintracciabilità sulla rete, ma perché, anche con loro, costruisce relazioni e cultura di impresa e del lavoro, gli elementi vitali di una società attiva. Il giornale sta dentro quelle dimensioni con uno sguardo attento.

È passato il tempo di chi pensava che il digitale fosse solo una moda e poi tutto sarebbe tornato come prima. Resistere ai cambiamenti che sono in corso è come provare a spostare le lancette dell’orologio pensando così di tornare indietro nel tempo. L’energia sarebbe bene spenderla per cercare di capire dove siamo oggi. Un bisogno di contemporaneità che richiede anche l’ascolto di ciò che spaventa, ma senza permettere che la paura plasmi la nostra vita.

Varesenews chiude un anno speciale da tanti punti di vista. Vent’anni di storia, tanti progetti realizzati e altri nel cassetto pronti per partire. In questi mesi sono nati Enea, Anita e Anna Lisa che si aggiungono agli oltre trenta bambini e ragazzi figli delle 26 persone che ogni giorno contribuiscono a fare più bello il nostro lavoro.

Da tutti noi un grande grazie e tanti tanti auguri per un sereno 2018.

di marco@varesenews.it
Pubblicato il 31 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.