Serati: “L’Arcisate-Stabio non avrà le ricadute economiche che ci si aspetta”

Secondo il docente di politica economica della Liuc i ritorni di cui si parla «non dipendono dal numero di stazioni previste lungo il percorso e dalle relative fermate»

massimiliano serati

«La tratta ferroviaria Arcisate-Stabio non avrà le ricadute economiche che ci si aspetta». Massimiliano Serati, docente di politica economica e direttore del Centro di ricerca sullo sviluppo territori e dei settori della Liuc di Castellanza, specifica che parla a titolo personale.

La sua posizione sulla nuova infrastruttura ferroviaria è stata resa pubblica durante il dibattito relativo alla ricerca sulla mappa dei talenti presentata all’ateneo. «Quell’infrastruttura rappresenta un punto di collegamento per Varese, Lugano e Malpensa – ha spiegato il professore – ma il ritorno economico rispetto al territorio, di cui spesso si parl,a non è poi così scontato e non dipende certo dal numero di stazioni previste lungo il percorso e dalle relative fermate».

TUTTI GLI ARTICOLI SULLA ARCISATE-STABIO

di michele.mancino@varesenews.it
Pubblicato il 14 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.