Senza stipendio e cassa integrazione. I lavoratori della Brusa sospesi in un limbo

Dopo la richiesta di fallimento da parte della proprietà, i lavoratori attendono la nomina del curatore. Per il momento non possono accedere agli ammortizzatori sociali

Avarie

«Siamo in un limbo. Qualcuno ci deve licenziare per accedere agli ammortizzatori sociali e per poter trovare un altro lavoro». Ciò che stanno vivendo Fabrizio Battaglion e gli altri 22 dipendenti della Brusa srl di Varese è un po’ un paradosso. Dopo che la proprietà a novembre ha chiuso i battenti e portato i libri in tribunale per chiedere il fallimento, i lavoratori non solo non hanno ricevuto l’ultimo stipendio ma non possono nemmeno cercarsi un altro lavoro. «Qualche collega – dice Battaglion – aveva trovato una nuova occupazione ma finché non viene dichiarato il fallimento e nominato un curatore non puo’ essere assunto da un’altra azienda».

Il rapporto di lavoro è dunque come sospeso e toccherà al curatore fallimentare esercitare le varie opzioni: decidere di subentrare nell’esercizio provvisorio, chiedere gli ammortizzatori sociali e procedere con i licenziamenti. «Qualcuno ha scelto di dimettersi – continua il lavoratore – con il timore però di perdere alcuni diritti maturati in tanti anni di lavoro».

La chiusura dell’azienda, avvenuta il 16 novembre scorso, è stata preceduta da un tentativo di concordato in continuità. «Si era parlato dell’interessamento di un’altra azienda per l’acquisizione – conclude Battaglion -. Noi ci abbiamo sperato, ma purtroppo è saltato tutto. Qui ci sono famiglie che hanno figli, mutui da pagare a cui si aggiunge la tristezza di un Natale senza stipendio. L’unica speranza è che a gennaio venga decretato il fallimento e nominato un curatore».

di
Pubblicato il 22 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore