Un referendum in Svizzera potrebbe abolire il canone radiotelevisivo e spegnere la tv

Per gli estimatori della televisione svizzera i prossimi mesi saranno di forte apprensione. Si vota il 4 marzo 2018

televisione svizzera rsi

Per gli estimatori della televisione svizzera i prossimi mesi saranno di forte apprensione. Il 4 marzo del 2018, infatti, i cittadini svizzeri sono chiamati a votare ad un referendum che potrebbe spegnere le antenne del sistema radiotelevisivo o meglio potrebbe spegnere i finanziamenti necessari a mantenerlo attivo.

Si vota sull’abolizione del canone radiotelevisivo che in Svizzera era di 451 franchi all’anno ma che è stato abbassato ed è destinato a diventare di 365 franchi all’anno.

Il referendum agirebbe su quella parte di Costituzione che garantisce alla Confederazione i poter sovvenzionare e gestire emittenti televisive obbligando a mettere all’asta le frequenze di trasmissione.

A depositare la richiesta di referendum è stata l’associazione “No Billag” che nel dicembre 2015 ha raccolto le 112.191 firme valide necessarie per approvarlo.

Il Consiglio di Stato ticinese si è schierato chiaramente contro l’iniziativa popolare “No Billag” invitando i cittadini a respingerla.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.