I 5 Stelle lanciano la firma contro l’aumento del biglietto Atm

Si discute dell'aumento da 1,5 a 2 euro. Secondo i pentastellati si può tenere fermo il prezzo e in contemporanea allargare l'area di validità

metropolitana

«Un aumento del costo dei biglietti del 33 per cento è un salasso che avrà ricadute pesanti sia sull’aria che respiriamo che sul portafoglio di cittadini già tartassati». Dario Violi, candidato del Movimento 5 Stelle in Lombardia va all’attacco del sindaco di Milano Giuseppe Sala, sulla ipotesi di aumento del biglietto ordinario (non gli abbonamenti) Atm a due euro.

La questione riguarda prima di tutto il Comune, ma Violi richiama anche le scelte fatte a livello regionale: «Basta buttare miliardi di euro in opere inutili come Brebemi o Pedemontana, bisogna iniziare a investire seriamente nel trasporto pubblico per migliorare la qualità delle vita di chi vive a Milano e in provincia».

Ma quali sono le proposte del Movimento 5 Stelle? «Stop all’aumento dei biglietti del trasporto pubblico locale a Milano e biglietto unico integrato nell’area metropolitana milanese», spiegano.

Il M5S lancia anche una petizione, rivolta al Comune di Milano, a Città Metropolitana e a Regione Lombardia, chiedendo “di riconsiderare e rendere omogenee le zone del sistema tariffario in vigore nell’area metropolitana milanese, evitando inopportuni aumenti, nonché di introdurre il biglietto unico integrato che includa il servizio ferroviario suburbano”. Sarebbe una rivoluzione: come? Per ora i pentastellati chiedono solo che sia “a costi accessibili e convenienti per chiunque”. L’integrazione tra tariffe cittadine e del territorio circostante è una sfida aperta da tempo: l’eventuale introduzione del biglietto unico richiederebbe di garantire comunque gli introiti necessari.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore