Addio a don Giancarlo, storico cappellano dell’Ospedale di Cuasso

Don Giancarlo Lamperti aveva 89 anni, era sacerdote dal 1952 e dal 1990 al 2012 ha servito come Cappellano all'Ospedale di Cuasso, a cui è sempre rimasto molto affezionato

Cuasso al Monte - ospedale

E’ mancato la notte scorsa don Giancarlo Lamperti, storico cappellano della Parrocchia interna all’Ospedale di Cuasso al Monte.

Don Giancarlo aveva 89 anni, era sacerdote dal 1952 e dal 1990 al 2012 ha servito come Cappellano all’Ospedale di Cuasso, a cui è sempre rimasto molto affezionato.

Ha infatti sempre offerto il suo sostegno all’Ospedale, ad esempio promuovendo la pubblicazione di un libro storico dedicato al Deserto di Cuasso al Monte dove appunto sorge l’Ospedale.

Da sempre attento alle esigenze dei malati, ha prestato loro un’assistenza che andava ben oltre il supporto esclusivamente religioso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fabio_tortosa

    ho un ricordo nitido di questo sacerdote, non solo perchè celebro’ il mio matrimonio ma soprattutto per la forza e dignità del suo apostolato. L’aneddoto che mi commuove è la sua “Messa portatile” quando la domenica pomeriggio celebrava in reparto, circondato da uno sparuto gruppo di malati, personale e parenti tra sedie a rotelle e bombole di ossigeno, odore di Natale e di brodo di verdure; una Messa di tutto punto con la sua “pochette” assortita di calice, tovaglietta, stola, Ostie, acqua, vino, mini Messale e “dulcis in fundo” un antico mangianastri per l’accompagnamento canoro. Senza clamore traspariva tutta la dedizione per rendere il momento solenne, sebbene improvvisato in quel luogo di fragilità, pure sua, data l’età avanzata e gli acciacchi. — il suo giro quotidiano, uno per uno tra i malati, e quella religiosità riservata e sobria che me lo ha sempre fatto ammirare con tenerezza e rispetto. Caro don Giancarlo mi sa che San Pietro ti ha aperto senza neanche bussare.Fabio Tortosa

Segnala Errore