Amor in festa per Olivia che inaugura il nuovo anno del Punto nascite

Per l'associazione nata per proseguire il lavoro del Comitato che ha salvato il Punto nascite dell'ospedale Ondoli, ogni nascita è una doppia felicità

Avarie

(Nella foto: la piccola Olivia con la mamma Silvia)

All’ospedale di Angera ogni nuovo nato è doppiamente prezioso, dopo lo scampato pericolo della chiusura del Punto nascite. E oggi Amor – l’associazione nata dal comitato che ha lottato con grande determinazione per difendere il Punto nascite – annuncia con grande gioia l’arrivo della prima cicogna del 2018.

«E’ con immensa gioia che comunichiamo la nascita di Olivia, la prima bimba del 2018 che ha visto la luce al Punto nascite di Angera, questa mattina alle 3,05 – dice il portavoce dell’associazione – La notizia ci riempie di felicità, ancor di più perché Olivia è stata preceduta dalla nascita di altre due bimbi poche ore prima il 31 dicembre, tutti accuditi dal personale come sempre encomiabile e stupendo, dell’Ospedale Carlo Ondoli».

La prima nata del 2018 si chiama Olivia Zucchi, data alla luce dalla mamma Silvia Bertoli: «Mamma Silvia e Olivia sono di Omegna e, come molte famiglie piemontesi, usufruiscono delle strutture e del Punto nascite angerese – precisa una nota dell’associazone Amor –  Accanto a loro, si sono stretti il papà Giacomo Zucchi e il fratellino Gioele, anch’egli nato ad Angera il 3 ottobre 2013».

«Noi mamme e soci di Amor, che solo un anno fa stavamo presidiando i reparti, chiusi ingiustamente e in modo assurdo, ci congratuliamo con mamma Silvia e papà Giacomo e ringraziamo ancora una volta il personale, i medici, le infermiere e le ostetriche dell’Ospedale Carlo Ondoli per il grande lavoro che stanno svolgendo al servizio della nostra comunità e del suo territorio. Grazie di cuore e buon anno!».

di
Pubblicato il 01 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore