Caja: “Felice per i ragazzi, raccolti i frutti del lavoro”

Il coach biancorosso: "Vittoria collettiva: chi non ha segnato ha aiutato i compagni. Dedico il successo a squadra, staff e società". De Raffaele: "Avevo avvisato della pericolosità di Varese, ci è mancata energia"

Openjobmetis Varese - Dolomiti En. Trento 93-66

Una partita per certi versi fotocopia di certe esibizioni recenti, ma stavolta con il lieto fine per Attilio Caja e la sua Openjobmetis. Ed è evidente la soddisfazione negli occhi del coach biancorosso che ha parole buone per tutti nell’immediato dopo gara del palasport di Mestre.

«Sono molto contento di questo grande risultato spiega l’Artiglio – la vittoria in casa dei campioni d’Italia che solo una settimana fa hanno vinto a Milano. Abbiamo fatto una grande partita difensiva, di cuore, perché abbiamo fermato i loro giochi migliori quali contropiedi, transizioni e blocchi sulla palla, e siamo riusciti a tenere a rimbalzo dove abbiamo vinto il confronto diretto. In attacco sono arrivate ottime prove da parte di tutti: chi ha segnato poco ha giocato per la squadra. Sono felice e orgoglioso di questa squadra: ho ribadito nei giorni scorsi il mio apprezzamento per i giocatori e dedico a loro e allo staff questa vittoria. Tutti stanno facendo un grande lavoro, i tifosi ci aiutano sempre, anche oggi erano presenti: sono felice di raccogliere i frutti di quanto fatto in settimana. Spesso ci hanno detto che non meritavamo la nostra classifica ed è vero, ma i risultati positivi danno qualcosa in più: la strada è ancora molto lunga ma sono contento perché la società aveva bisogno di questa vittoria».

E proprio al capitolo società, Caja sottolinea come si stia cercando di trovare la nuova guardia:
«I dirigenti stanno facendo di tutto per metterci a disposizione un altro giocatore e competere nel miglior modo possibile».

Sul fronte veneziano, coach De Raffaele ammette i problemi che si sono creati soprattutto dopo l’infortunio di Orelik. «Dobbiamo rimboccarci le maniche e trovare nuovi equilibri: si è visto stasera, ho dovuto schierare quintetti inediti in cui non c’erano equilibri stabiliti e mercoledì affrontiamo Lubiana in coppa, altra squadra che ha bisogno di vincere. Avevo avvisato venerdì della pericolosità di Varese ma non siamo riusciti a mettere l’energia necessaria, e quando non abbiamo energia facciamo fatica a giocare. Siamo stati sempre costretti a inseguire, abbiamo provato con la zona, ma in realtà abbiamo rincorso più per inerzia che con qualità: abbiamo sbagliato tiri aperti e poi ne abbiamo rifiutati altri quando è subentrata la sfiducia. Siamo tornati vicini un paio di volte ma poi non è arrivato il pareggio. Ora dobbiamo recuperare le forze, ho dovuto tirare il collo a Bramos ma ne avevo bisogno per affrontare i quintetti piccoli di Varese».

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 21 gennaio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore